Sei in Gweb+

VALTARO

Bedonia, scarica rifiuti lungo la provinciale: denunciato

18 agosto 2019, 05:02

Bedonia, scarica rifiuti lungo la provinciale: denunciato

Giorgio Camisa

BEDONIA - I carabinieri della stazione di Bedonia, durante un’operazione di controllo ambientale in atto in questi giorni su tutto il territorio del crinale del nostro Appennino, hanno scoperto una discarica a cielo aperto accanto alla strada provinciale Bedonia-Passo Colla e quindi Bardi.

Immediate le indagini messe in campo per individuare il o i responsabili dello scempio ambientale proprio accertato nei giorni di Ferragosto.

Nel giro di qualche ora i militari, con una mirata operazione sono riusciti ad individuare un 40enne bedoniese che aveva ben pensato di liberarsi alla svelta di alcuni metri cubi di detriti e scaricarli in una comoda piazzola accanto alla strada provinciale.

Calcinacci, scarti di mattonelle in ceramica, mattoni e anche alcuni pezzi di carrozzeria di un’auto abbandonati tra la vegetazione.

Accertato il fatto il bedoniese è stato segnalato agli organi giudiziari e deferito all’Arpa provinciale in quanto ente delegato a questo tipo di reati. La discarica abusiva è stata segnalata anche al sindaco e all’ufficio tecnico del Comune di Bedonia.

L’immondezzaio è stato individuato grazie anche ad una segnalazione di un villeggiante che passeggiava lungo la via, a pochi centinaia di metri dal cimitero del capoluogo, in località Cavignaga, una delle frazioni del comune di Bedonia alle pendici del Monte Pelpi.

Un’operazione, quella delle forze dell’ordine, atta a salvaguardare il territorio in questo periodo di maggior afflusso di persone che, oltre a far lievitare la raccolta dei rifiuti approfitta anche per sistemare giardini, boschi e i loro edifici e quindi spesso non vengono rispettate certe regole e i rifiuti di ogni genere vengono scaricati e abbandonati lungo le strade della periferia.

Carabinieri e Comune raccomandano la massima attenzione a questi gesti di abbandono dei rifiuti che potrebbero anche portare a denunce e quindi punibili penalmente.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA