Sei in Gweb+

Inchiesta

Ma Fidenza è una città pulita?

19 agosto 2019, 05:01

Ma Fidenza è una città pulita?

MICHELE DEROMA

«Fidenza è bella e pulita: qui si vive bene». Sorride, una bimba di sei anni, di fianco al nonno che l’ha accompagnata nel parco della Pace, per trascorrere una mattinata di relax e gioco. Quella di fianco alla chiesa di San Giuseppe Lavoratore è una delle tante aree verdi allestite nella cittadina borghigiana: spazi che necessitano di pulizia e cura quotidiana da parte del personale addetto, così come di un comportamento civile ed educato da parte dei fidentini. Il cui livello di soddisfazione sulla pulizia della città, è buono, anche se non mancano gli aspetti da migliorare.

«Abito vicino al parco degli Olmi - spiega un diciottenne - e vedo sempre la zona pulita: in generale c’è attenzione, sia da parte dei cittadini che da parte del personale addetto, nel mantenere in ordine e decoro la città soprattutto in centro, mentre in periferia è più facile trovare cartacce, sacchi e bottiglie di vetro abbandonate a terra e nei fossati».

Nulla da lamentare, da parte dei borghigiani residenti nelle vicinanze del parco degli Olmi, così come da coloro che abitano in via Caduti di Cefalonia: «Il quartiere è mantenuto molto bene – testimonia uno di loro - così come il parco De Gasperi, che trovo sempre pulito e in ordine».

Anche in via 4 Novembre lo stesso fidentino segnala «la presenza di aree verdi estremamente curate, con la presenza frequente dei giardinieri deputati a pulire le aiuole».

Seduto con lui, al tavolo di un bar del centro di Fidenza, c’è un settantenne residente nel quartiere Luce: «A volte vedo bottiglie lasciate a terra vicino ai bidoni – sottolinea – sia nei parchi della zona che in altri quartieri della città, in particolare nei pressi della chiesa di san Lazzaro. Però il livello di pulizia della città è assolutamente accettabile: i sacchi di rifiuti della raccolta differenziata vengono ritirati regolarmente e le aree verdi sono ordinate. Purtroppo quella che spesso manca è la cura da parte dei cittadini».

Si professa «abbastanza soddisfatto» del livello generale di pulizia cittadina, anche un altro fidentino residente in via Pascoli: «Non soltanto i parchi, ma anche le strade e i fossati mi sembrano mantenuti in buone condizioni, mentre i bidoni vengono utilizzati adeguatamente. Girando per la città credo sia evidente notare l’attenzione con cui viene curato il patrimonio pubblico».

Moderatamente soddisfatte anche due donne, residenti anch’esse nelle vicinanze del parco di San Giuseppe Lavoratore: «La città è pulita, soprattutto in centro, mentre nei fossati della periferia, e in particolare su via Ponte Nuovo e viale Fidenza, è purtroppo frequente trovare lattine, pacchetti di fazzoletti e sigarette. Altri nei? Nel centro della città, i sacchi della raccolta differenziata vengono posti all’esterno degli edifici troppo in anticipo rispetto al passaggio degli addetti. Inoltre in certe zone, come in viale Europa, l’erba ai lati della carreggiata è troppo alta».

Un problema, quest’ultimo, che lamenta anche una donna di Santa Margherita, in riferimento alla zona nelle vicinanze dell’ospedale di Vaio: «Sotto questo aspetto, credo che le aree verdi abbiano bisogno di maggior manutenzione - spiega - anche se comprendo che gli operai comunali facciano il possibile per garantire la pulizia e la sicurezza della città. Fidenza è complessivamente mantenuta bene».

Non la pensa così una sua concittadina, che percorre spesso il tratto di strada tra Tabiano e Fidenza e nota «la presenza di cartacce, bottiglie e rifiuti: si può fare molto di più per mantenere Fidenza pulita e in ordine, manca la disciplina da parte dei cittadini». La zona nei pressi di Cabriolo è quella su cui i fidentini si esprimono con maggior negatività: «In quei fossati si trova di tutto, purtroppo i comportamenti di certe persone sono inqualificabili», accusa una donna che vede quotidianamente rifiuti abbandonati lungo la strada. Ma si tratta sostanzialmente di un’eccezione, in un bilancio che, per i fidentini, è ampiamente positivo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA