Sei in Gweb+

AMARCORD

Parma, i primi calci in Figc 100 anni fa

19 agosto 2019, 05:03

Parma, i primi calci in Figc 100 anni fa

PAOLO BORELLI

Stagione alle porte e un nuovo importante anniversario per il Parma: 100 anni dalla prima iscrizione ad un campionato ufficiale della Figc. Si tratta del remoto torneo di Promozione Emiliana 1919-20 iniziato solo il 23 novembre.

La 1a giornata per i ducali prevede riposo. Debutto la domenica seguente, 30 novembre, col sonante 3-1 sul campo dell’Audace Bologna. 8 partite in tutto, con Spal, Reggiana (battuta 3-0 in casa), Piacenza, oltre ai citati felsinei, e 2° posto alle spalle dei biancorossi piacentini: Parma Fbc promosso in 1a Categoria, seppur per estensione dei quadri. Da allora la vicenda crociata si snoda per un secolo intero con l’unica interruzione tra ‘44 e ‘45, nei giorni più bui del conflitto mondiale. E pensare che l’anno prima, nonostante l’8 settembre e l’invasione nazista, si giocava ancora. Un surrogato di campionato che a suo modo rimase nella storia. Nel girone dei gialloblù figurano Fidentina, Busseto, Suzzara e il 42° Corpo dei Vigili del Fuoco di La Spezia, nato sulle ceneri dello Spezia dopo che il presidente Pericoli era finito in campo di concentramento. Vinta questa fase, col Parma penultimo davanti al Busseto, e la successiva, i liguri si giocano lo scudetto nella finale a tre con Venezia e Torino. Battuti i lagunari, il 16 luglio ‘44 all’Arena di Milano tocca il match decisivo col “Grande Torino” di capitan Mazzola.

I granata sono clamorosamente sconfitti 2-1, così nel proprio albo d’oro lo Spezia può vantare un titolo nazionale. Tuttavia viene loro consegnata solo la Coppa Federale, mentre lo scudetto resta al Torino. In questi 100 anni il Parma ha giocato finora 98 campionati. Esclusi i primi tre nelle serie regionali, oltre al menzionato torneo “bellico”, la maglia crociata ha figurato fortunatamente solo 5 volte in D, 33 in C, 1 nella formula B-C del ‘45-’46, il “campionato della ricostruzione”, 30 in B e ben 25 (compresa l’isolata presenza del ‘25-’26) nella massima divisione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA