Sei in Gweb+

Fidenza

Fabrizio Volta: «A Cuba grazie alla Fornero»

20 agosto 2019, 05:03

Fabrizio Volta: «A Cuba grazie alla Fornero»

Un fidentino a Cuba. E' Fabrizio Volta che, insieme alla moglie cubana Marianela Gutierrez, ha dedicato una casa per le vacanze alla adorata e indimenticata mamma Lina, a Santiago.

Infatti la struttura per turisti si chiama «Casa particular Signora Lina» e si trova a un indirizzo che sa subito di Caraibi: Contramaestre a Santiago di Cuba, Cruce de los Martire.

«Quando siamo andati a registrare la casa per le vacanze - ha spiegato Fabrizio – e ci hanno chiesto l’intitolazione, oltre ad avere spiegato che desideravamo dedicarla a mia madre, ho scoperto che anche la madre di Fidel Castro si chiamava proprio Lina. Avendo sposato Marianela, di origine cubana, ogni anno, decidiamo di trascorrere un periodo di tempo a Cuba. Ma non posso nemmeno stare lontano dalla mia città d’origine, Fidenza, dove torniamo sempre e dove tengo i contatti con tanti amici. Qualcuno di questi è già venuto anche a Cuba». I racconti di Fabrizio Volta sulla vita caraibica sono da sogno: mare dalle mille sfumature, clima tutto da godere, colori, sapori, atmosfere lontanissimi dalle lande padane. Figlio di borghigiani doc, dopo essersi diplomato perito chimico industriale, ha prestato servizio militare ad Aosta negli Alpini come corso sottufficiale, terminando a Cuneo come sergente degli alpini. Quindi ha lavorato alle dipendenze della fornace La Libertà, come responsabile commerciale.

In seguito è passato alle dipendenze del Ccpl di Reggio Emilia, quale responsabile commerciale marketing e pubblicità del settore laterizi. «Nel 1997 ho fondato una società commerciale Mixedil a Calerno di Reggio Emilia - ha spiegato Volta – di cui sono stato il legale rappresentante. Una società di commercializzazione per laterizi nel Nord Italia, zona Emilia. Per mantenere i contatti con la mia Fidenza, nell’86 ho frequentato un corso per allenatore di pallavolo, a Parma, con la Fipav e sono stato promosso allenatore di primo grado. Così ho iniziato ad allenare il settore giovanile femminile Gs Amatori Fidenza e quindi la terza divisione. Poi ho allenato l’Under 14 della Fulgor Fidenza, portandola a un bel traguardo quello di vicecampione provinciale. In questo modo ha mantenuto i contatti con i miei concittadini. Ma ho pure allenato il settore maschile Oasi Noceto per tre anni, terza divisione e in tre anni abbiamo ottenuto due promozioni, passando in prima categoria. Per un anno sono stato anche segretario dello storico Velo Club Fidenza. E dopo la legge Fornero, sono riuscito ad andare in pensione. Adesso vivo fra Cuba e Fidenza. e sono felice».

s.l.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA