Sei in Gweb+

Cornocchio

Quelle corone abbandonate da tutti

21 agosto 2019, 05:06

Quelle corone abbandonate da tutti

La strage del Cornocchio viene ricordata ogni anno il 2 di maggio. A quasi quattro mesi di distanza dalla ricorrenza, davanti al monumento che ricorda le vittime della strage del 1944 si trovano ancora le corone di alloro che erano state posate in memoria dei caduti, completamente rinsecchite. Tutt’attorno al memoriale invece regna il degrado più totale: erba alta e manutenzione completamente assente. Una vera e propria beffa dopo che, proprio quest’anno, era stato annunciato dai rappresentanti del Comitato per il Cornocchio che il Comune si era impegnato a trasformare «la zona del bombardamento del Cornocchio in un luogo della memoria pensato per far rivivere la storia ai nostri giovani». La speranza dei familiari delle vittime e del Comitato è quella di vedere tornare, quantomeno in ordine, il cippo. Il monumento è stato eretto per ricordare ai posteri le tragiche vicende del 2 maggio del 1944, quando alcuni bombardieri alleati, nell’intento di danneggiare la ritirata tedesca, colpirono alcuni obiettivi «strategici», ma anche il rifugio in cui si erano radunati per mettersi in salvo numerosi civili. Un cosiddetto «danno collaterale» che finì in tragedia, in cui persero la vita 61 parmigiani e alcuni passeggeri di un convoglio che transitava nello scalo ferroviario, tra via Reggio e viale Piacenza, che scesero frettolosamente all’interno del rifugio per ripararsi dal bombardamento imminente. L.M.

© RIPRODUZIONE RISERVATA