Sei in Gweb+

Parma calcio

E' Gervinho l'arma anti-Juve

23 agosto 2019, 05:04

E' Gervinho l'arma anti-Juve

Paolo Grossi

I favori del pronostico, va da sè, sono per la Juve. Ma tutti, clan bianconero in testa, sanno che il Parma darà l'anima per rendere difficile la vita a Chiellini e soci e possibilmente portare a casa un risultato positivo. Lo scorso anno le due sfide tra crociati e bianconeri hanno avuto un andamento abbastanza equilibrato: i bianconeri passarono 2-1 al Tardini, poi al ritorno spensero la luce troppo presto e subirono una doppia rimonta, dal 3-1 al 3-3.

In entrambe le partite andò a segno Gervinho: una volta in casa, due in trasferta, e nessun altro in Italia o in Europa è riuscito, l'anno scorso, a segnare tre gol alla Juventus.

Ecco allora che sull'ivoriano si appoggiano le speranze dei tifosi ma probabilmente anche dei tecnici e dei compagni.

Lui ha dimostrato di «sentire» molto certe sfide, e in quelle occasioni sembra dare qualcosa di più in termini di cattiveria agonistica ma anche di performance fisica. Come contrappasso c'è che gli aumenta un certo egoismo, anche se va riconosciuto che nel passare dei mesi ha fatto progressi sotto questo aspetto.

Tra l'altro bisogna ricordare che nella gara d'andata, un anno fa, D'Aversa lo tolse per fare spazio a Da Cruz appena tre minuti dopo la rete del 2-1 di Matuidi. Una scelta apparentemente autolesionistica, quella del tecnico, e che infatti fu fischiata dal pubblico e contestata dallo stesso Gervinho. Il quale però era alla sua prima apparizione da titolare, veniva da un precampionato con pochi allenamenti ed era già concordato che giocasse un'ora. Eppure, col senno di poi, pur avendo quel cambio l'imprimatur della logica, lo stesso D'Aversa forse oggi lo lascerebbe un po' di più in campo. Perché da quel momento la Juve tirò un sospiro di sollievo e controllò il match senza problemi. Tant'è vero che proprio nel finale di gara allo Stadium Gervinho cavò dal cilindro i due gol che incorniciarono una delle più belle serate della stagione. Insomma, ora che con il ricorso al 4-4-2 in fase di non possesso D'Aversa cerca di risparmiargli un po' di energie, si può davvero sperare in un nuovo exploit di Gervinho che faccia piangere i bianconeri.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA