Sei in Gweb+

EMERGENZA CASA

Contributi, botta e risposta tra Comune e Caritas

28 agosto 2019, 05:05

Contributi, botta e risposta tra Comune e Caritas

Era stato il vescovo Solmi, durante l'omelia di Ferragosto, a puntare l'attenzione sull'emergenza sfratti. E l'altro ieri l'assessore al Welfare, Laura Rossi, ha annunciato lo sblocco di 700mila euro per il Fondo affitti, precisando anche che il Comune aveva firmato una convenzione con la Caritas da 220mila euro all'anno. La Caritas aveva però fatto sapere che la cifra complessiva dei contributi ricevuti nel 2018 era esattamente di 174.274,71.

Ieri, tuttavia, in una nota il Comune ha ribadito che «l'impegno preso dall'Amministrazione con la firma di una convenzione con Fondazione Caritas Sant'Ilario onlus prevede un importo annuo presunto per la realizzazione delle attività di prossimità rivolte alle fasce deboli della popolazione per complessivi euro 222.156». Una battaglia di cifre. Almeno all'apparenza. Ma in realtà bisognerebbe intendersi su quanto messo nero su bianco nella convenzione, firmata alla fine di dicembre dello scorso anno, e quanto effettivamente ricevuto dalla onlus per gli interventi messi in campo. Alla luce della nota diffusa ieri dal Comune, dalla Caritas fanno sapere che «i 174.274 euro sono i contributi percepiti effettivamente nel 2018». E i 222.156 euro di cui ha parlato il Comune? «È la somma indicata nella Convenzione, ma è il tetto massimo previsto - precisa la Caritas -. Per essere ancora più chiari: quella è la cifra massima a cui il Comune può arrivare e dipende da alcune variabili, come per esempio determinati progetti d'accoglienza che il Comune può decidere di affidare a noi o ad altri soggetti. È così che nel 2018, come abbiamo scritto, i contributi totali ricevuti sono stati 174.274 euro». r.c.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA