Sei in Gweb+

CANTIERI IN CLASSE

Scuole più sicure: spesi 13 milioni di euro

31 agosto 2019, 05:03

Scuole più sicure: spesi 13 milioni di euro

Gian Luca Zurlini

Tredici milioni di euro: è la spesa che il Comune sta sostenendo nel corso di questo 2019 in 13 cantieri di scuole medie, elementari e materne e asili nido della città. Si tratta di lavori tutti in corso di esecuzione, alcuni dei quali ormai al termine e che saranno conclusi per l'inizio dell'anno scolastico, mentre i più «tardivi» si concluderanno fra dicembre di quest'anno e febbraio 2020.

ALINOVI: «LAVORI PIANIFICATI»

A fare il punto della situazione è l'assessore ai Lavori pubblici Michele Alinovi: «Preciso che quando parlo di 13 milioni di euro intendo fondi già spesi per cantieri tutti in attività. In questo computo non sono considerati ad esempio i futuri costi per l'Anna Frank, ma solo quelli per il completamento di palestra, mensa e teatro». L'assessore sottolinea che «questi interventi sono realizzati all'interno del programma “scuole sicure” partito nel 2012 e che punta ad arrivare al 2030 con tutte le scuole, le materne e i nidi a norma per normative antisismiche, di risparmio energetico e antincendio. La spesa complessiva prevista è di circa 90 milioni di euro, di cui 48 milioni già spesi compresi questi 13, cui si aggiungeranno circa altri 10 milioni di euro per la nuova scuola media nell'area ex militare fra via Zarotto e via Sidoli».

I LAVORI PRINCIPALI NELLE SCUOLE

Scendendo nel dettaglio, il cantiere più impegnativo e costoso è quello della Albertelli-Newton a SAan Lazzaro. Qui la spesa è di 6 milioni e 400mila euro per un cantiere suddiviso in due parti: «La prima, partita a gennaio di quest'anno, si concluderà a gennaio 2020. Quindi inizieranno i lavori nell'altra metà della scuola che verrà consegnata a gennaio 2021». Qui, oltre all'adeguamento sismico sono previste migliorie generalizzate nella struttura. L'altro intervento «pesante» riguarda la Toscanini di via Cuneo, dove è previsto il miglioramento sismico di palestra, mensa e refettorio. La mensa riaprirà a metà ottobre, la palestra a inizio 2020 dopo le vacanze di Natale: La spesa è di un milione 115mila euro. Cantieri di minore rilevanza sono aperti, e si concluderanno entro l'inizio della scuola, alla «Verdi» di Corcagnano e alle scuole «Vicini» di Baganzola e «Micheli» di San Leonardo.

FANTASIA, APERTURA NEL 2020

Per le materne, il cantiere più importante è quello della materna «Fantasia» di via Pezzani, dietro al Tardini. Qui il complesso rimarrà chiuso fino a Natale per lavori di consolidamento e sicurezza sismica per 736mila euro che porteranno alla riapertura a gennaio 2020 dopo le vacanze di Natale.

Riaprirà invece nei prossimi giorni con un «look» rinnovato e sicurezza garantita la «Sole Luna», dove il Comune ha speso 642mila euro per efficientamento energetico e sistemazione esterni.

CANTIERI NEI NIDI

Fra gli asili nido rimarrà chiuso almeno sino a febbraio il «Palloncino blu», dove è stato trovato anche amianto nei rivestimenti oltre alla prevista riqualificazione energetica: la spesa è prevista è di 681mila euro.

Ormai al termine sono invece i cantieri del «Bruco Verde» dove sono stati spesi 833mila euro per un rifacimento anche degli esterni e «Le Nuvole» dove è stata completamente rifatta tutta l'area cortilizia.

SAN LEONARDO, CINQUE CANTIERI

Il record dei cantieri scolastici va al quartiere San Leonardo, dove ci sono lavori in corso in ben cinque fra nidi, materne e scuole elementari o medie: «Sono interventi calendarizzati e programmati nel tempo - spiega l'assessore Alinovi - ma è comunque un segnale dell'attenzione che diamo nel settore scolastico anche a un quartiere che purtroppo ha qualche problema sul fronte della sicurezza. Ci terrei poi a sottolineare che tutti i lavori previsti, oltre a puntare sulla sicurezza dei bambini e dei ragazzi, diventano anche l'occasione per un miglioramento degli ambienti interni e una loro riqualificazione approfittando degli interventi prioritari».

L'assessore conclude sottolineando che «nella stragrande maggioranza tutti i cantieri sono andati avanti nei tempi previsti o solo con leggeri ritardi e questo anche grazie alle imprese che hanno lavorato quasi tutte con grande serietà e collaborato con i nostri tecnici per ottenere buoni risultati».

EX PASCOLI

L'ex Pascoli di via Saffi si presenterà tirata a lucido e pronta all'utilizzo in tutte le sue componenti, comprese la mensa e la palestra, per il suono della prima campanella, il prossimo 16 settembre.

Ad annunciarlo con aria soddisfatta è l'assessore ai Lavori pubblici Michele Alinovi: «Rispetto alle prime previsioni, in cui avevamo indicato l'apertura normale a inizio scolastico del complesso, ma l'entrata in funzione della mensa non prima di ottobre, posso dire che il cantiere è proseguito senza problemi e già adesso sono in corso le rifiniture, per cui all'apertura dell'anno scolastico i genitori avranno i propri figli ospitati in una scuola libera dal cantiere, fatta eccezione per lavoretti marginali, e soprattutto fruibile appieno anche nei servizi accessori».

I LAVORI ESEGUITI

Dunque, nessun problema sia per gli scolari della «Anna Frank» che per i bambini della materna statale «Neri» che già avevano avuto prima del Ferragosto la buona notizia del trasporto gratuito e non a pagamento come era stato detto in un primo tempo, suscitando molte proteste. All'ex Pascoli sono stati fatti lavori per 300mila euro che hanno visto la sistemazione del tetto, dell'intera area cortilizia interna, restaurata e rimessa nuovo («abbiamo anche riscoperto una pavimentazione in cotto pregevole», sottolinea Alinovi) e anche della mensa, dove tutta l'impiantistica è stata messa a norma. Inoltre sono state ritinteggiate tutte le aule, sistemati i serramenti sia interni che esterni e sono state predisposti tutti gli impianti per far funzionare al meglio le nuove tecnologie didattiche con l'ausilio dei pc e di internet. A effettuare l'intervento è stata l'impresa parmigiana Buia «che ha lavorato con tempestività nonostante i tempi relativamente ristretti - prosegue l'assessore - consentendo così di poter arrivare all'anno scolastico con un edificio che sarà di fatto fruibile dai bambini senza problemi». Fra l'altro l'ex Pascoli, a questo punto tornata di piena proprietà del Comune dopo la conclusione del contenzioso con l'impresa assegnataria dei lavori per la Scuola Europea, diventerà uno spazio prezioso in futuro anche per la programmazione di eventuali massicci lavori necessari in altre scuole e ha tutte le caratteristiche anche per poter tornare a essere come in passato sede stabile di una scuola.

ANNA FRANK, MENSA OK

Intanto all'Anna Frank, in attesa dell'avvio dei lavori di bonifica dall'amianto che partiranno nei prossimi mesi, sono ormai conclusi i lavori della nuova palestra e della mensa e entro l'autunno si concluderanno, con la posa delle poltrone e la sistemazione dell'impiantistica interna, anche quelli per il teatro della scuola. Una parte accessoria dell'istituto scolastico che si presenterà nuova e perfettamente fruibile e che sarà utilizzata anche per alcuni servizi accessori forniti agli scolari, come il pre e post-scuola. Anche qui, i tempi sono stati rispettati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA