Sei in Gweb+

TRIBUNALE

Condannato a 10 mesi il pusher violento

04 settembre 2019, 05:02

Condannato a 10 mesi il pusher violento

«Stanza privata, non c'è niente da vedere». Pensava di cavarsela così. Peccato, però, che chi chiedeva di aprire quella porta erano i carabinieri. E quando ha capito che i militari non avrebbero fatto marcia indietro, ha cominciato a tirare calci e pugni. L'uomo - 29 anni, nigeriano - arrestato due settimane fa, pochi giorni dopo era stato rimesso in libertà con il divieto di dimora a Parma, e ieri è stato condannato per resistenza a pubblico ufficiale e spaccio a 10 mesi e 20 giorni. Il giudice gli ha concesso la sospensione della pena.

Era stato un andirivieni di persone dalla casa a insospettire i vicini. Un appartamento nella zona di via Navetta, dove una pattuglia del Radiomobile si era presentata nel primo pomeriggio del 20 agosto. Quando i carabinieri avevano deciso di passare dal soggiorno alla camera da letto, era arrivato lo «stop» del ragazzo. Nella stanza c'era infatti un altro connazionale alle prese con un po' di cocaina: sette ovuli. Svelato il mistero. E così, il primo è finito in manette e il secondo è stato denunciato.

r.c.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

«Stanza privata, non c'è niente da vedere». Pensava di cavarsela così. Peccato, però, che chi chiedeva di aprire quella porta erano i carabinieri. E quando ha capito che i militari non avrebbero fatto marcia indietro, ha cominciato a tirare...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal