Sei in Gweb+

PAURA

Borgotaro, bomba carta in una cabina telefonica

17 settembre 2019, 05:06

Borgotaro, bomba carta in una cabina telefonica

FRANCO BRUGNOLI

BORGOTARO Momento di paura nel capoluogo valtarese. Non si erano ancora spente, l’altra notte, le luci del primo weekend della quarantaquattresima Fiera del Fungo e molta gente, visto il caldo, era ancora nei bar a degustare l’ultimo drink, quando un’esplosione fortissima, udita anche a distanza, è avvenuta all’interno di una cabina telefonica (una delle poche ancora in uso), posta in località Porta Nuova, zona Appennino, di fronte ad un bar gelateria. L’onda d’urto, violentissima, ha distrutto tutto l’interno della cabina, mandandone in frantumi i vetri e lasciando solo intatta la struttura metallica. Erano esattamente le 23,10. Un denso fumo, acre, si è propagato per diversi minuti. I militari dell’Armai, chiamati da alcune persone, sono giunti tempestivamente sul posto, per i rilievi del caso.

Secondo loro, da una prima sommaria ricostruzione, si tratterebbe di un ordigno, sicuramente rudimentale, forse una sorta di piccola «bomba carta».

Nessuna traccia, per ora degli autori di questa «bravata», per meglio dire, di questo stupido atto di vandalismo, che poteva causare, tra l’altro, anche gravi danni a chi si fosse trovato nelle immediate vicinanze della struttura. Fortunatamente nessun problema collaterale si è verificato, né alle persone e neppure alle vicine abitazioni. Soltanto, tanta, tanta paura. I carabinieri della Compagnia di Borgotaro, al comando del maggiore Agostino Gentile, non stanno tralasciando alcuna pista, per giungere, raccogliendo ogni elemento possibile, agli autori di questo insano gesto.

Tutti gli abitanti della zona ed oltre, che erano già a letto, sono stati svegliati dalla fortissima esplosione.

Qualcuno è addirittura sceso in strada: «Abbiamo ritenuto, in un primo momento, che si trattasse di un colpo di fucile - ci ha detto una signora - ma poi abbiamo pensato ad una bomba, visto che il rumore era di gran lunga superiore a quello di un’arma».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA