Sei in Gweb+

   INCIDENTE

Pontetaro, ubriaco si ribalta con la microcar

19 settembre 2019, 05:04

Pontetaro, ubriaco si ribalta con la microcar

PONTETARO - Trambusto martedì notte sulla via Emilia, con i nuovi spartitraffico che hanno tolto dalla strada, in modo forse un po’ troppo «deciso», un quarantacinquenne residente a Fidenza e originario dell’Ecuador che guidava con un tasso alcolico decisamente troppo elevato. Erano da poco passate le 23 quando l’uomo, a bordo di una microcar, è salito sul cordolo ed è letteralmente «volato via» finendo la corsa a ruote all’aria. Il «botto» ha attirato l’attenzione di chi era ancora sveglio e qualcuno ha notato l’autista scendere dal mezzo, ridotto ormai ad un ammasso di lamiere, e darsi alla fuga abbandonando in mezzo alla strada il rottame. Il caso ha voluto che proprio in quei minuti stesse finendo, al campo sportivo poco distante dal luogo dell’incidente, una partita della squadra locale e che tra il pubblico ci fosse anche il sindaco Tommaso Fiazza. Il primo cittadino si è quindi recato sul posto insieme ai carabinieri della stazione di San Secondo, di servizio sul territorio, e ha raccolto alcune interessanti informazioni da chi aveva assistito allo schianto. Così, quando a poche centinaia di metri di distanza ha notato un uomo con un abbigliamento che corrispondeva alla descrizione, ha pensato di avvicinarsi e chiedere qualche informazione.

L’ecuadoregno ha però negato di essere stato lui il protagonista dello schianto e ha tentato di indirizzare le ricerche verso la direzione presa, a suo dire, dall’autista in fuga. Ma pochissimi minuti sono bastati alle forze dell’ordine per «smontare» le sue indicazioni e sottoporlo all’alcol-test. Il risultato rilevato dallo strumento, 1,8 grammi per litro, ha rivelato che l’uomo non solo non era in grado di guidare un’auto ma anche che difficilmente sarebbe riuscito ad andare lontano anche a piedi. Ora per lui saranno guai seri: il codice della strada prevede infatti un’ammenda da 1500 a 6000 euro, l’arresto da 6 mesi ad un anno, la sospensione della patente da 1 a 2 anni e il sequestro preventivo del veicolo. c.d.c.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA