Sei in Gweb+

ECONOMIA

Sicim, commessa da 82 milioni in Repubblica Ceca

20 settembre 2019, 05:06

Sicim, commessa da 82 milioni in Repubblica Ceca

La Sicim di Busseto (Parma), che si presenta come «leader mondiale della progettazione, approvvigionamento e costruzione nel settore Oil&Gas», fa parte del consorzio ceco-belga-italiano scelto nell’appalto pubblico per la costruzione del nuovo gasdotto nei Monti metalliferi (Krusne hory), nel Nord della Repubblica ceca alla frontiera con la Germania. Lo ha ha segnalato il settimanale ceco «Euro».

L’ente appaltante è la società Net4Gas, gestore dei gasdotti di transito nella Repubblica ceca. Il nuovo gasdotto di 150 chilometri collegherà il comune di Monte Santa Catarina (Hora svatè Kateriny) con quello di Primda dove si collegherà con una struttura già esistente.

«L'obiettivo è aumentare la capacità della conduttura del gas per i bisogni della Repubblica ceca e per il transito dalla Germania alla Slovacchia», ha detto Zuzana Kucerova, la portavoce della Net4Gas.

Da Primda parte il gas in direzione inversa: dalla Slovacchia verso Austria e Italia. L’appalto sarà diviso in due parti: le società belga e ceca, rispettivamente Denys e Metrostav, costruiranno la prima parte del gasdotto, del valore di 76,8 milioni di euro, mentre Sicim sarà incaricata della costruzione della seconda tratta (82 milioni di euro).

In 56 anni di attività Sicim ha installato oltre 13mila chilometri di gasdotti e ha posato più di 25mila tonnellate tra impianti e strutture in acciaio.

Sicim, «conta oggi 6mila dipendenti di trenta nazionalità differenti e opera attualmente in 20 Paesi. Vanta inoltre 5mila e 500 mezzi. Nel giugno scorso ha inaugurato nel quartier generale di Busseto nuovi spazi produttivi e logistici che ampliano la sede e si estendono su una superficie di 14mila metri quadrati.

r.eco.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA