Sei in Gweb+

FIDENZA

I lupi di Fornio: ecco il branco «borghigiano»

10 ottobre 2019, 05:07

I lupi di Fornio: ecco il branco «borghigiano»

Stanno riscuotendo grande successo di pubblico le serate dedicate ai lupi, con il «sold out», ogni volta, al centro ex macello.

La prossima serata, in programma domani alle 20.30, richiamerà sicuramente un gran numero di fidentini, in quanto si parlerà del branco di lupi borghigiani, che abita alle porte della città. Infatti, già in tanti, hanno avvistato i lupi, che sbucano dalla nebbia e dall’oscurità, nelle campagne intorno alla città, e quindi sarà l’occasione per conoscere le loro storie. Si tratterà della terza e ultima serata dedicata alle storie di lupi e che rientra nella rassegna «Che occhi grandi che hai».

In particolare, saranno raccontate la storia di un branco di lupi di Borgotaro, a cura di Daniele Ecotti dell’associazione «Io non ho paura del lupo» e quello di Fidenza, a cura del Parco dello Stirone e del Wwf, con filmati e una piccola storiografia. Importante sarà l’intervento di Luigi Molinari del Wolf Apennine Center che approfondirà il tema del ritorno dei lupi in ambienti antropizzati, la cui presenza a volte genera preoccupazione, e le buone regole per una pacifica convivenza. Una serata che si prospetta densa di informazioni e molto interessante.

Intanto anche anche il secondo appuntamento con «Che occhi grandi che hai», rassegna promossa da Wwf Parma per favorire la conoscenza del lupo, ha fatto registrare il pienone alla sala polivalente ex Macello. Un pubblico di tutte le età ha ascoltato con emozione e interesse le testimonianze appassionate dello scrittore Giuseppe Festa, della responsabile del Centro di recupero fauna selvatica del Monte Adone Elisa Berti e dello zoologo del Wac, Luigi Molinari, che hanno raccontato la storia di due cuccioli di lupo, chiamati Achille e Ulisse. Il ritorno alla natura dei due giovani lupi, messi in salvo fortunosamente appena nati, curati e accuditi con il massimo delle competenze scientifiche e altrettanta passione, ha lasciato il pubblico con il fiato sospeso come un vero e proprio romanzo.

s.l.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA