Sei in Gweb+

CRIMINALITÀ

Le forze dell'ordine: «Reati in calo grazie ai maggiori controlli»

15 ottobre 2019, 05:05

Le forze dell'ordine: «Reati in calo grazie ai maggiori controlli»

Parma rimane nella parte alta della graduatoria delle denunce di reati nel 2018. Ma è un dato che va contestualizzato e che negli ultimi tempi ha sempre più registrato un trend di calo in quasi tutti i principali reati.

Sono concordi nel giudizio sulle statistiche pubblicate da «Il Sole 24 Ore» il comandante provinciale dei Carabinieri Salvatore Altavilla e il questore Gaetano Bonaccorso. In particolare Altavilla sottolinea come «il dato riguardante Parma sia di fatto del tutto affidabile, perché i cittadini denunciano praticamente tutti i reati». Il questore, da parte propria, sottolinea che «Parma, pur rimanendo nella stessa posizione del 2017, ha visto fra il 2017 e il 2018 un indice di delittuosità molto migliorato, passato da 5.063 delitti ogni 100mila abitanti a 4.631, il che significa in concreto una diminuzione dei reati commessi». Altavilla sottolinea poi che «i dati sono aggregati e in alcuni casi non rendono quella che è la situazione reale. Ad esempio, per quanto riguarda i furti nelle abitazioni, è vero che nel 2018 sono aumentati, ma in realtà l'incremento riguarda i tentativi, che poi sono stati sventati grazie anche all'aiuto dato dai cittadini. Per quanto riguarda poi i furti in negozio, che è la denuncia più in alto nelle graduatorie, va sottolineato che il dato comprende anche i cosiddetti taccheggi, che sono stati in aumento, mentre sono fortunatamente calati i furti classici all'interno delle attività commerciali. Infine, sottolineo che nel 2019, finora, è stata compiuta una sola rapina in banca. Certo, non si può dire che Parma sia un'isola felice, ma complessivamente la situazione sta migliorando». Il questore, da parte propria, ricorda che «i furti in casa avevano avuto una fortissima impennata negli ultimi 3 mesi del 2018. Ma nel 2019, a fine settembre, erano calati del 22 per cento in provincia e del 24 per cento in città sul 2018. Non va poi dimenticato l'aumento della prevenzione: attualmente sono 3 o 4 le Volanti che controllano la città, contro le 2 al massimo di un anno fa. Certo, la situazione può e deve essere ancora migliorata, ma la tendenza è quella verso la diminuzione dei reati commessi in questo territorio». Infine, Altavilla sottolinea un altro dato positivo: «Per quanto riguarda l'estorsione, a Parma non esistono denunce riguardanti il cosiddetto “pizzo” ma solo di fenomeni di altro tipo, di minore gravità. Ma si può ragionevolmente supporre che se ci fossero verrebbero subito denunciati»,

g.l.z.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Parma rimane nella parte alta della graduatoria delle denunce di reati nel 2018. Ma è un dato che va contestualizzato e che negli ultimi tempi ha sempre più registrato un trend di calo in quasi tutti i principali reati. Sono concordi nel giudizio...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal