Sei in Gweb+

INCIDENTE

La tragedia di Aurelio: i vigili indagano sulle cause dell'incidente

23 ottobre 2019, 05:07

La tragedia di Aurelio: i vigili indagano sulle cause dell'incidente

La città intera piange il piccolo Aurelio, il bimbo di appena tre anni morto in seguito a un incidente stradale, avvenuto lunedì mattina,lungo la provinciale che da Fidenza porta a Busseto, poco prima dell’abitato di Castione Marchesi.

La mamma, ventiduenne di origine moldava, che era alla guida della Citroen, è rimasta ferita in modo lieve: dopo essere stata trattenuta in osservazione una giornata all’ospedale di Vaio, ieri è stata dimessa. Molto provata, è seguita da un team di esperti.

Stava portando il figlioletto alla scuola materna Don Sagliani di Castione Marchesi, che aveva iniziato a frequentare solo da pochi giorni, iscritto al primo anno. Nella scuola materna, ieri, i bimbi hanno pregato insieme alle insegnanti per il loro amichetto andato via troppo presto. E oggi, la scuola, desidera ricordare il bambino con una veglia di preghiera che si terrà alle 19 nella chiesa parrocchiale di Castione Marchesi.

Nella scuola materna Don Sagliani, però, nessuno ha voluto rilasciare dichiarazioni. «Ora in cielo c'è una stella in più», si è lasciato scappare qualcuno.

Ma si è pregato per il piccolino anche in tutte le chiese della città. E le comunità hanno pregato anche per i suoi genitori, perché riescano a trovare il coraggio e la forza di andare avanti. Il bambino con la sua famiglia abitava in via Pilo, nel quartiere Corea. In tanti conoscevano la giovane mamma e il suo piccolo.

Ieri intanto, sul luogo dell’incidente stradale, è stato un mesto pellegrinaggio di mamme coi loro bambini che hanno desiderato ricordare Aurelio, pregando per lui e deponendo mazzi di fiori. Ancora non è stata fissata la data dei funerali, anche perché potrebbe essere necessario l’esame autoptico sulla salma. Il piccolo - come detto - si trovava a bordo dell’auto guidata dalla madre, seduto e a quanto sembra legato nell’apposito seggiolino sul sedile posteriore quando l’auto, che viaggiava da Fidenza in direzione di Busseto, appena imboccata la rampa di accesso di un cavalcavia, per cause in via di accertamento da parte degli agenti della Polizia locale, accorsi sul posto, è uscita di strada. La macchina è quindi finita in una scarpata sottostante, terminando la corsa contro un terrapieno e ribaltandosi. Immediatamente sono scattati i soccorsi. Sul posto sono arrivati l’automedica, l’ambulanza e i Vigili del fuoco.

Ai primi soccorritori le condizioni del bambino sono apparse subito disperate, in quanto il piccolo giaceva esanime: nonostante i ripetuti tentativi di rianimarlo non dava segni di vita. In condizioni disperate è stato trasportato all’ospedale di Vaio e ricoverato nel reparto di Rianimazione, ma il piccolo non ce l’ha fatta.

Gli agenti della Polizia locale stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente e intanto la macchina è stata posta sotto sequestro. r. c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA