Sei in Gweb+

Fondo Venturini

La biblioteca in cui nessuno è solo

04 novembre 2019, 05:03

La biblioteca in cui nessuno è solo

Claudia Olimpia Rossi

SAN LEONARDO Far sentire le persone accolte in una comunità che mette la cultura in circolo virtuoso è lo scopo della biblioteca sociale Roberta Venturini, sorta un anno fa, in via Venezia 123/a all'interno dell'associazione Intesa San Martino, per volontà del presidente Pasquale Leone Galimi in memoria della moglie, socia fondatrice, che la sognava come luogo per la collettività. Un obiettivo catalizzato dal Fondo Roberta Venturini, inaugurato nei giorni scorsi dall'associazione Intesa San Martino a sostegno delle attività culturali e sociali promosse dalla Biblioteca e dagli enti che operano a beneficio del San Leonardo, del quartiere Cortile San Martino e dell'intero territorio parmigiano.

«Nessuno è tanto ricco da non aver bisogno degli altri e nessuno è tanto povero da non aver nulla da dare»: don Luigi Valentini, vicario generale della Diocesi di Parma, intervenuto al taglio di nastri, ha racchiuso nella citazione il significato profondo dell'iniziativa. Un indicare la via della generosità che fu di Roberta Venturini. «Questo quartiere – ha detto don Valentini – è un mondo ricco di storia ma non privo di problemi. Nei processi di crescita ed evoluzione urbanistica e industriale ha subito delle lacerazioni che ne hanno mutato gli equilibri. Il Fondo Roberta Venturini consente di impiegare finanziamenti a beneficio del quartiere. Il legame con Munus mette in rapporto ciò che si ha con ciò che si condivide, esprimendo quella che potremmo definire la cultura del dono». Un concetto sottolineato anche da Giorgio Delsante, presidente della Fondazione Munus, gestore e garante delle donazioni, che confluiscono nella disponibilità dell'associazione Intesa San Martino per portare avanti i progetti. «Il termine latino munus – ha spiegato Delsante – significa dono ma al tempo stesso compito. Comunità deriva da cum munis, cioè mettere insieme risorse e responsabilità. Con Munus l'associazione Intesa San Martino ha la possibilità di farsi conoscere. Noi garantiamo il buon esito delle donazioni. Si tratta di un modo consapevole di progettare il bene».

L'incontro, moderato da Andrea Coppola, tesoriere e responsabile organizzativo di Intesa San Martino, ha declinato i gesti quotidiani di chi si spende per l'interesse comune nel racconto di Rino Basili, segretario dell'associazione. «Teniamo aperta la Biblioteca Venturini – ha detto – alla cittadinanza, con iniziative anche per bambini. In questo quartiere, che ha qualche criticità in più rispetto al resto della città, per fare cultura occorre dare qualcosa a chi ha bisogno di noi». Il Fondo Roberta Venturini è già attivo sul sito www.fondazionemunus.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Claudia Olimpia Rossi SAN LEONARDO Far sentire le persone accolte in una comunità che mette la cultura in circolo virtuoso è lo scopo della biblioteca sociale Roberta Venturini, sorta un anno fa, in via Venezia 123/a all'interno...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal