Sei in Gweb+

SCUOLA PEZZANI

La protesta dei genitori: «Sicurezza a rischio. E ci sono pure i topi»

07 novembre 2019, 05:07

La protesta dei genitori: «Sicurezza a rischio. E ci sono pure i topi»

CLAUDIA OLIMPIA ROSSI

Genitori in stato di agitazione alla scuola primaria «Pezzani». Due i campanelli d'allarme. Una petizione, che viene sottoscritta in questi giorni, mette in evidenza la carenza di personale preposto alla sicurezza. Inoltre, nelle aule della scuola, è stato visto aggirarsi un topo che, per ora, ha dribblato i dispositivi posizionati per la cattura. Le istanze dei firmatari verranno sottoposte alla dirigenza scolastica sabato mattina, durante una riunione straordinaria indetta nella sede della scuola per le 9.

La preoccupazione, già da tempo avvertita, per l'insufficiente numero di collaboratori scolastici, si è acuita dopo la recente tragedia della primaria milanese «Pirelli», dove un bimbo è morto per essere caduto sporgendosi dalle scale, dopo essere salito su una sedia. I genitori degli alunni della «Pezzani», quindi, domandano: «la presenza di un collaboratore scolastico a ogni piano della scuola al fine di garantire la vigilanza e la sicurezza degli alunni, anche nelle procedure di entrata e uscita nonché nell'utilizzo dei servizi igienici; maggior sorveglianza degli accessi alla scuola, con chiusura del secondo accesso al di fuori degli orari di entrata e uscita; la presenza del collaboratore scolastico in guardiola; la chiusura delle porte delle aule quando gli alunni sono impegnati in altri ambienti». «Abbiamo sempre sospettato che ci fosse carenza d'organico - spiega Shara Banzola, rappresentante della V A, da cui la protesta è partita -. Spesso gli accessi non sono sorvegliati. Inoltre la scuola, mai ristrutturata nonostante sia tra le più vecchie di Parma, è in una situazione di sporcizia e degrado. Non parliamo dello stato dei servizi igienici. Inoltre, quando i bimbi vanno in bagno, durante l'orario di lezione, non esiste alcun tipo di controllo. Se occorre chiamare casa, perché ad esempio non stanno bene, le maestre non possono accompagnarli dalle bidelle, per non lasciare la classe. Adesso abbiamo anche l'emergenza topi, di cui mi pare non si stia valutando l'aspetto igienico-sanitario».

Raggiunto in presidenza, il dirigente scolastico illustra la situazione. «Trovo positiva ogni attenzione alla sicurezza, ma gli organici dipendono dal ministero dell'Istruzione, non da noi - dice Gastone Demaldè -. Il fatto, poi, che la pulizia sia stata affidata a una cooperativa esterna ha ridotto il numero dei collaboratori scolastici. Ne abbiamo quattro, di cui due part-time, che si turnano durante l'orario scolastico, dalle 8,15 alle 16,15 (ma la scuola chiude intorno alle 16,30-17, ndr). Considerando che gli alunni della Pezzani sono circa 25 in ognuna delle quindici classi, in effetti sono pochi. L'unica cosa possibile, tuttavia, è gestire l'aspetto organizzativo. Visto che anche i collaboratori sono tenuti a mansioni di pulizia, potremmo invece impiegarli maggiormente sulla sorveglianza. La situazione più critica è quella degli accessi, avendo tante persone che entrano ed escono continuamente dalla scuola. Per la sorveglianza ai piani, venendo incontro alle difficoltà delle maestre quando hanno bisogno di assistenza per i bambini, poiché i citofoni non funzionano bene, sto mettendo a punto telefonini senza sim per comunicare con la guardiola».

E nel bel mezzo del malcontento, con un tempismo quasi teatrale, entra in scena il topo. Di piccola taglia, pare. Solo o forse accompagnato. Il suo «debutto» ha portato alla comparsa di trappole nei corridoi. «Abbiamo segnalato la cosa al Comune - commenta il dirigente Demaldè - che si è occupato di mettere in atto la procedura. Se il problema continuerà, forse sarà opportuno non tenere più nelle aule il cibo per la merenda dei bambini». Ma è contemplata la chiusura della scuola? «Direi proprio di no - conclude il preside -. Prima di arrivare alla sospensione di un servizio pubblico, ci vorrebbe proprio un'invasione di topi. Certo, se gli avvistamenti si faranno numerosi, interverremo con metodi più decisi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CLAUDIA OLIMPIA ROSSI Genitori in stato di agitazione alla scuola primaria «Pezzani». Due i campanelli d'allarme. Una petizione, che viene sottoscritta in questi giorni, mette in evidenza la carenza di personale preposto alla sicurezza. Inoltre,...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal