Sei in Gweb+

POLEMICA

Bedonia, la scuola incentiva gli acquisti online. Il sindaco non ci sta

09 novembre 2019, 05:05

Bedonia, la scuola incentiva gli acquisti online. Il sindaco non ci sta

MONICA ROSSI

 

BEDONIA Non è polemica, ma poco ci manca: l’invito dei plessi scolastici a fare acquisti su Amazon non è andata giù al sindaco Serpagli, che ieri ha comunicato il proprio disappunto con una lettera agli studenti. Ma andiamo con ordine. A inizio anno scolastico, molti plessi scolastici hanno informato che, grazie all’iniziativa «Un click per la scuola» (valida fino al 29 febbraio 2020), Amazon donerà agli istituti il 2.5% dell’importo speso sotto forma di credito virtuale. Che le scuole potranno usare per richiedere, sfogliando un catalogo di oltre 1000 prodotti, ciò di cui hanno bisogno (attrezzature, cancelleria, articoli sportivi, strumenti musicali, accessori). Iniziativa lodevole, tuttavia, c’è anche il rovescio della medaglia.

«Siamo attratti, attraverso i social e i nuovi media, dalle sentinelle degli acquisti online - dichiara Serpagli -. Dietro a queste sirene ci sono dispendiose campagne pubblicitarie che ci fanno vedere un mondo fatato. Ma non dimentichiamo che viviamo in un paese dove nonostante tutto resistono le botteghe, spesso minacciate dall’e-commerce. Questa mia lettera ai bambini e ragazzi di Bedonia non è una critica alla scuola. Anzi. È un invito, laddove possibile, a non trascurare i negozi di vicinato, forza vitale della nostra comunità. Fare la scelta di acquistare a Bedonia vuol dire mantenere quel tessuto artigianale e commerciale che la rende viva».

Alla lettera di Serpagli, risponde il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo. «L’iniziativa, cui ha partecipato già il 33% delle scuole italiane, non dice “comprate su Amazon anziché nei negozi di vicinato” - spiega Michele Iuliano -. È un discorso diverso: può scegliere di aderire all’iniziativa chi già fa acquisti sulla piattaforma. Mettiamo che si è soliti acquistare ad esempio delle cialde di caffè di una marca non disponibile nelle botteghe bedoniesi: comprandole online, e scegliendo la scuola cui si vogliono destinare i crediti, l’acquisto assume anche una finalità pro-scuola». I numeri dicono che l’iniziativa è stata sottoscritta da 21.968 istituti, che potranno così contare su un credito virtuale di 550.663 euro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MONICA ROSSI BEDONIA Non è polemica, ma poco ci manca: l’invito dei plessi scolastici a fare acquisti su Amazon non è andata giù al sindaco Serpagli, che ieri ha comunicato il proprio disappunto con una lettera agli studenti. Ma andiamo con ordine. A...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal