Sei in Gweb+

San Pancrazio

Mazzate alla cassaforte. Ma i ladri fuggono a mani vuote

14 novembre 2019, 05:07

Mazzate alla cassaforte. Ma i ladri fuggono a mani vuote

Non si sono fatti scrupolo di entrare in azione nonostante fosse solo tardo pomeriggio e a dispetto della presenza in casa di una persona anziana. Ma a metterli in fuga è stato un vicino, che insospettito per i rumori che sentiva provenire dall'interno dell'abitazione, è andato a suonare il campanello per controllare cosa stesse succedendo.

L'ennesimo colpo dei soliti topi d'appartamento è andato in scena l'altra sera a San Pancrazio, in un'abitazione in cui vive un anziano. Poco prima delle 20 un residente ha sentito dei rumori provenire dalla casa del proprio vicino: una serie ripetuta di colpi che ha subito indotto l'uomo a sospettare che stesse accadendo qualcosa di anomalo, considerato l'orario e il fatto che nella casa da cui provenivano abita solo un anziano. «Mi sono affacciato alla finestra per capire cosa fossero quei rumori – spiega il testimone – e proprio in quel momento ho intravisto la figura di un uomo vestito di scuro aggirarsi furtiva davanti all'abitazione del mio vicino. La cosa mi è apparsa subito molto strana, così ho immediatamente chiamato al telefono il figlio del mio vicino, al quale ho spiegato quello che avevo notato».

In attesa dell'arrivo del figlio del vicino, l'uomo è uscito di casa ed è andato a suonare il campanello, senza però avere alcuna risposta. Nel frattempo, potendo osservare più da vicino l'abitazione, ha notato che gli scuri di una finestra al piano terra erano stati forzati e poi accostati. È stato a quel punto che è partita la chiamata ai carabinieri, intervenuti sul posto in pochissimi minuti. «Il sospetto in quel momento era che i ladri potessero trovarsi ancora all'interno della casa». E così, insieme al figlio del proprietario che nel frattempo era arrivato sul posto, i militari sono entrati e hanno ispezionato l'abitazione. I malviventi, con ogni probabilità messi in allarme dal campanello suonato ripetutamente dal vicino poco prima, erano già fuggiti. Ma alle loro spalle hanno lasciato un intero piano a soqquadro. Non hanno trascurato nemmeno una cassaforte a muro, che hanno tentato di forzare a suon di mazzate: proprio quello era stato il rumore che aveva richiamato l'attenzione del vicino. Alla fine, fortunatamente, il bottino è stato magro: la cassaforte non è stata aperta e dai cassetti e dagli armadi è sparito solo qualche articolo di bigiotteria.

Resta comunque la spregiudicatezza dei malviventi: una volta all'interno della casa, prima di mettersi all'opera si sono premurati di spostare un armadio e farlo scivolare già dalle scale interne, in modo da bloccare la porta che dà accesso al piano inferiore, dove vive l'anziano proprietario. Il quale era davanti alla televisione e non si è accorto di nulla, se non quando il figlio e il vicino, accompagnati dai carabinieri, lo hanno raggiunto e gli hanno spiegato cosa fosse successo.

r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Non si sono fatti scrupolo di entrare in azione nonostante fosse solo tardo pomeriggio e a dispetto della presenza in casa di una persona anziana. Ma a metterli in fuga è stato un vicino, che insospettito per i rumori che sentiva provenire...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal