Sei in Gweb+

DISAVVENTURA

Guasto al bus, studenti a piedi sotto la pioggia

19 novembre 2019, 05:07

Guasto al bus, studenti a piedi sotto la pioggia

Un bus che si ferma per un guasto; alcuni studenti che rimangono sotto la pioggia nella lunga attesa di un altro mezzo; i genitori che, non vedendoli rientrare, si preoccupano. Questo il problema sollevato ieri mattina  durante la trasmissione «Buongiorno sindaco» su 12 Tv Parma, il consueto appuntamento del lunedì condotto dal direttore Claudio Rinaldi con il sindaco Federico Pizzarotti. 
Fra le tante domande poste dagli ascoltatori,  la signora  Paola Concas ha chiesto al sindaco di interpellare la Tep   su un episodio avvenuto venerdì 15 novembre in città, sotto una pioggia scrosciante.  La signora ha spiegato che intorno alle 13, all'incrocio fra viale Toschi e via Bettoli,  l'autista del bus  della linea 11 -  che dal complesso residenziale Ca' Peschiera porta a Monticelli - avrebbe   fatto scendere gli studenti a bordo  «senza spiegazioni, lasciandoli sotto la pioggia  per  un'ora e mezza. Uno dei ragazzini non aveva il cellulare e non ha potuto avvertire i genitori, preoccupatissimi. La Tep non risponde al telefono. Signor sindaco, si informi lei».  La radioascoltatrice si è anche lamentata di aver osservato, su un bus che transitava per Traversetolo, un autista che chattava al telefono mentre era alla guida. In serata la Tep ha risposto  con  una nota nel quale  spiega che  il bus quel giorno «ha presentato un problema alle porte ed è stato necessario richiederne la sostituzione. L’autista avrebbe avvisato i passeggeri del disguido invitandoli ad attendere sul mezzo l’arrivo del bus sostitutivo, ma alcuni  passeggeri  hanno preferito scendere per proseguire il viaggio con altri mezzi. Nel giro di 20 minuti il bus sostitutivo è arrivato e la corsa è potuta riprendere, ripartendo prima del passaggio della corsa successiva, prevista alle 13.30».
La Tep, nello stesso comunicato,  invita i cittadini  «a segnalare eventuali disservizi  nel servizio urbano ed extraurbano  anche scrivendo direttamente all’azienda, per permetterci di effettuare tutte le verifiche  e  fornire una risposta dettagliata e puntuale».
Il presidente Tep Roberto Prada aggiunge che nessuna segnalazione è arrivata in azienda riguardo al    problema al bus della linea 11. «Il mezzo  sostitutivo è arrivato in breve tempo direttamente dal deposito ed era vuoto» ha aggiunto.  Quanto alla lamentela sugli autisti che parlano al telefono o chattano alla guida, Tep chiarisce che la politica aziendale prevede che sia possibile usare il cellulare solo per esigenze di servizio e con gli auricolari e solo ai capolinea e alle fermate. «In varie occasioni abbiamo comminato sanzioni a chi trasgredisce le regole, anche sospendendo temporaneamente dal servizio e dallo stipendio. Contatteremo la signora Concas per avere ulteriori dettagli e verificare la sua segnalazione», conclude Prada. m.t.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un bus che si ferma per un guasto; alcuni studenti che rimangono sotto la pioggia nella lunga attesa di un altro mezzo; i genitori che, non vedendoli rientrare, si preoccupano.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal