Sei in Gweb+

lutto

Romano Varani muore a 53 anni, grande commozione a Fidenza

22 novembre 2019, 05:09

Romano Varani muore a 53 anni, grande commozione a Fidenza

«Romano è morto»: il triste tam tam si è diffuso in fretta nella prima mattina di ieri, arrivando in tutti gli uffici del palazzo comunale e suscitando cordoglio e commozione in tutti, amministratori e dipendenti. Nessuno voleva credere che Romano Varani, se ne fosse andato così, all’improvviso, a soli 53 anni, stroncato da un malore.

E’ stato ritrovato privo di vita nella sua casa, nel fondo agricolo di famiglia, a Vaio, dove Romano, celibe, abitava da solo, dopo la scomparsa dei genitori. Un collega del Comune si è recato a controllare, dopo che Romano non rispondeva né al cellulare né ai messaggi. Quindi la drammatica scoperta. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, i carabinieri, gli agenti della polizia locale, i mezzi di soccorso: ma purtroppo il medico non ha potuto fare altro che stilare il referto di morte, per cause naturali. E dagli accertamenti pare che il 53enne fosse morto da due giorni. Venerdì scorso, dopo il lavoro, era andato a casa, dicendo ai colleghi, di non sentirsi troppo bene: «Forse è un po' di influenza», aveva detto.. I colleghi lo hanno sentito sino ai primi giorni di questa settimana, quando gli hanno telefonato per chiedergli se avesse bisogno di qualcosa, visto che sapevano che viveva da solo. Ma lui li aveva rassicurati, dicendo che sarebbe andato a fare una visita medica. Nulla che lasciasse presagire un così tragico epilogo. Non si è reso necessario nemmeno sottoporre la salma ad autopsia: accertate la cause naturali del decesso e il magistrato ha concesso l’autorizzazione a procedere con le esequie e la sepoltura. Romano Varani lavorava alle dipendenze del Comune da 29 anni: in forza all’ufficio tecnico, era addetto alla manutenzione delle strade e degli immobili comunali.

Tutti lo hanno descritto come un lavoratore instancabile, buono e disponibile. Sul camion del Comune, col suo giubbetto fluorescente, lo si vedeva accorrere, da un lato all’altro della città, sempre pronto a risolvere qualsiasi problema con la sicurezza e la certezza del suo intervento, professionale e preciso. Poche parole, ma tanta concretezza: questo era Romano.

Tutti ieri, in comune, erano sconvolti e avevano poca voglia di parlare. «Non possiamo ancora credere di non vedere più Romano», hanno detto con un nodo alla gola. «Era un pilastro del Comune, un prezioso e preciso punto di riferimento per tutti. Sotto la sua scorza, forse burbera all’apparenza, nascondeva una profonda umanità e un cuore grande e generoso. Era sempre pronto a risolvere qualsiasi problema. E’ una gravissima perdita per tutti, perché oltre a un collega stimato, abbiamo perso anche una bellissima persona. Se n’è andato senza fare troppo rumore, così come ha vissuto». La data dei funerali non è ancora stata fissata.

s.l.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

«Romano è morto»: il triste tam tam si è diffuso in fretta nella prima mattina di ieri, arrivando in tutti gli uffici del palazzo comunale e suscitando cordoglio e commozione in tutti, amministratori e dipendenti. Nessuno voleva credere che Romano...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal