Sei in Gweb+

Intervista a Fritelli

«Salso sta rinascendo, il traguardo è in vista»

02 dicembre 2019, 05:05

«Salso sta rinascendo, il traguardo è in vista»

EGIDIO BANDINI

Si avvicina la fine dell'anno ed è tempo di bilanci. Stavolta, però, con il sindaco di Salsomaggiore, parliamo di bilanci «in rosso», ovvero di ciò che non ha funzionato come avrebbe dovuto.

Signor sindaco, cosa c'è a Salso, che non va?
«Spesso abbiamo purtroppo a che fare con dei tempi burocratici e di legge che fanno andare tutto per le lunghe: ne sono un esempio, in questi giorni, il cantiere alle scuole, dove sono andato, incontrando alcuni genitori; in generale alcuni appalti e anche la vendita di qualche asset. E queste cose, di frequente, non dipendono dalla volontà politica, ma dal fatto che si agisce in un quadro complesso, dove si ha a che fare con realtà pubbliche e private, incrociate in un “groviglio” di norme che spesso mettono in difficoltà. Questo tende a far slittare tutto. Però, è finito un primo mandato e ne è iniziato un secondo e questo primo anno e mezzo è servito per finire una serie di lavori e progettualità che venivano dai primi 5 anni e per definire in modo stabile i progetti che dovranno compiersi nell'immediato futuro. Questo abbiamo fatto e stiamo facendo: tutto ciò che abbiamo pensato e immaginato per Salso deve, dovrà chiudersi nel periodo fra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2021. Nel biennio dovremo terminare tutto quello che abbiamo visto, stabilito e programmato».

Non è da sottovalutare che ci siano anche note positive: la riapertura del Valentini, altri privati che intendono investire e alle viste novità per il Berzieri. Ci sono però alcune contestazioni: chi sottolinea il calo di presenze, chi rimarca il fatto che dalla privatizzazione delle terme ci si aspettava forse più dinamismo. In questo biennio di cui lei parla, davvero tutto questo andrà a conclusione?
«Non bisogna fare promesse mirabolanti: occorre parlare di cose reali. Fra le cose reali ci sta il fatto che la lunga procedura per il Berzieri sta per finire ed è in vista un passaggio straordinario, probabilmente la cosa più importante che Salso abbia visto negli ultimi anni e che secondo noi significherà la rinascita della città. Ci sono una serie di altri fatti: tutto il comparto delle realtà termali private si sta riordinando a riorganizzando, con la stipula di nuove relazioni, aggiornando i servizi e migliorando la propria efficacia, proprio perché non basta il dato del numero di clienti. Questo è un elemento importante, senz'altro realizzabile al di là di facili entusiasmi. Con la conclusione del concordato per le terme avremo anche la chiusura di un percorso che va a stabilizzarsi, dando vita ad una rinascita cui, pur tra mille difficoltà, stiamo arrivando».

Per concludere, una domanda al segretario provinciale del Pd: che aria tira dalle parti di viale Aldo Moro a Bologna?
«In viale Aldo Moro c'è molto impegno per cercare un risultato importante. La partita è assolutamente aperta, ma noi pensiamo che si possa ragionevolmente vincere, perché la nostra è una delle prime regioni in Europa, come sviluppo economico e gestione dei servizi; è una regione con un equilibrio che va mantenuto. Non è la regione delle consorterie ma, anzi: ha alle spalle una lunga storia che ha consentito a questo territorio di stare nella parte alta della classifica, nazionale ed europea. Il presidente Bonaccini è un ottimo amministratore e posso affermare che ai territori la regione ha dato molto. A Salso, in questi cinque anni, abbiamo ricevuto, fra finanziamenti di opere cantierizzate e altri da render operativi, dai 3 milioni e mezzo ai 4 milioni di euro. Credo che possa e debba rinascere da qui una storia politica, che oggi è un po' in affanno a livello nazionale, ma che proprio dall'Emilia Romagna potrà ripartire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

EGIDIO BANDINI Si avvicina la fine dell'anno ed è tempo di bilanci. Stavolta, però, con il sindaco di Salsomaggiore, parliamo di bilanci «in rosso», ovvero di ciò che non ha funzionato come avrebbe dovuto. Signor sindaco, cosa c'è a Salso, che...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal