Sei in Gweb+

POSTO FISSO

Comune, un esercito di 1.158 dipendenti

11 dicembre 2019, 05:06

Comune, un esercito di 1.158 dipendenti

PIERLUIGI DALLAPINA

In Comune sono preoccupati, perché non sarà semplice gestire la massa di candidati che si presenterà al maxi concorso appena pubblicato sul sito dell'ente. Gli uffici si aspettano migliaia di persone da ogni parte d'Italia, tanta è la fame di lavoro, e per riuscire a trovare un'aula in grado di contenerle tutte c'è chi sta già pensando al solito Palacassa alle Fiere.

Laureati, autonomi, flessibili, capaci di parlare inglese e, ovviamente, di usare bene il computer. I nuovi impiegati comunali non dovranno essere dei travét, sacrificati in un lavoro monotono, poco gratificante, poco qualificato e mal pagato, ma dipendenti dal profilo alto in grado di affrontare problemi e situazioni complesse. Per riuscire a trovare le persone giuste, il Comune ha pubblicato un bando riservato all'assunzione di 44 istruttori direttivi amministrativi a tempo pieno e indeterminato: 42 saranno assunti nel 2020, mentre gli ultimi due dovranno aspettare il 2021. Una volta in servizio saranno inquadrati nella categoria D che, nel pubblico impiego, corrisponde a un quadro del settore privato. In pratica, saranno l'anello di congiunzione fra i semplici impiegati e i dirigenti dei vari settori del Comune. Andando subito al nocciolo della questione, ai futuri istruttori sarà pagato uno stipendio lordo annuo di 23.980 euro, oltre all'indennità di comparto di 622,80 euro.

«Questo concorso servirà ad assumere impiegati sempre più qualificati all'interno della macchina comunale», premette il vicesindaco, con delega al Personale, Marco Bosi. Il Comune ora ha 1.158 dipendenti (di cui 301 funzionari in categoria D) e 21 dirigenti. Dal conteggio sono esclusi i 97 supplenti delle materne e dei nidi e altri 12 tempi determinati, 7 incarichi fiduciari e un'alta professionalità.

«In questi anni ci siamo concentrati sull'assunzione degli agenti della polizia municipale, sulle maestre e sugli assistenti sociali, dove c'è un turn over alto determinato dalle maternità. Ora è arrivato il turno degli amministrativi, una figura molto richiesta da tutti i settori».

A questi funzionari laureati sarà chiesto di occuparsi delle determine, delle delibere, degli acquisti, della fatturazione e, a quelli più capaci, sarà anche chiesto di occuparsi delle gare d'appalto, un vero e proprio campo minato in un Paese dove molto spesso il secondo classificato cerca di ribaltare il giudizio della commissione facendo ricorso al Tar.

«Con l'assunzione di questi 44 nuovi funzionari speriamo anche che venga ringiovanita l'età media dei dipendenti comunali», confessa il vicesindaco, consapevole che la loro età media è di poco inferiore ai 54 anni.

Terminata la stagione dell'austerity, il Comune torna quindi ad assumere, regalando il sogno di un posto fisso a chi si era rassegnato ad una vita da precario o da sottopagato. A conferma del nuovo corso, il vicesindaco annuncia un altro concorso nel 2020. «All'inizio del prossimo anno sarà pubblicato il bando per l'assunzione di una quindicina di dipendenti amministrativi, inquadrati nella categoria C».

Per partecipare al concorso, i candidati dovranno compilare online il modulo che è stato caricato sul portale www.comune.parma.it, nella sezione atti e bandi - bandi di concorso – alla voce «concorso per la copertura di n. 44 posti di istruttore direttivo amministrativo (cat. giur. D)».

È utile ricordare che per poter compilare la domanda di partecipazione al concorso bisogna accedere al portale del Comune attraverso il sistema pubblico di identità digitale: https://www.spid.gov.it/. Le domande dovranno essere presentate entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale, serie Concorsi. La pubblicazione è attesa a giorni.

«Da quando amministriamo la città non abbiamo mai fatto un concorso con così tante assunzioni. Per questo ci aspettiamo migliaia di candidati», ammette Bosi e conferma il bando, là dove prevede un quiz di preselezione nel caso in cui i candidati siano più di 500. La corsa al posto fisso è iniziata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIERLUIGI DALLAPINA In Comune sono preoccupati, perché non sarà semplice gestire la massa di candidati che si presenterà al maxi concorso appena pubblicato sul sito dell'ente. Gli uffici si aspettano migliaia di persone da ogni parte d'Italia,...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal