Sei in Gweb+

MALTRATTAMENTI

Picchia il figlio e gli impone riti esorcistici: condannata a 1 anno e mezzo

12 dicembre 2019, 05:05

Picchia il figlio e gli impone riti esorcistici: condannata a 1 anno e mezzo

A dodici anni ha già visto e subito l'esplosione di rabbia della madre. Una donna con una vita segnata dalla droga e che anche con lui era arrivata a perdere totalmente il controllo. Era stata la nonna, lo scorso 28 maggio, a chiamare il 112 segnalando che la mamma stava malmenando il nipote. Ma quegli abusi continuavano già da alcuni mesi, e ieri la donna - 38 anni, ucraina - è stata condannata a 1 anno e 6 mesi per maltrattamenti e lesioni personali aggravate. Al ragazzino, che si era costituito parte civile attraverso un curatore, sono stati riconosciuti 6000 euro di risarcimento.

Una storia di disagio e sopraffazione venuta a galla grazie alla nonna, con cui adesso il bambino vive. Con lei si è sempre confidato raccontando di quella madre, spesso nervosa, che lo sgridava in continuazione, lo puniva e lo minacciava solo perché lui le chiedeva di passare più tempo con la nonna. Aggressiva e a volte in preda al delirio, quando costringeva il figlio ad assistere a messe e sermoni di vari credi religiosi o lo sottoponeva a una sorta di riti esorcistici: gettava addosso al ragazzino acqua e sale, puntandogli contro un crocifisso e intimando al diavolo di abbandonare il suo corpo.

Un ragazzino costretto ad andare a scuola con i vestiti spesso sporchi e a vivere in un appartamento sudicio. Quel giorno di maggio, poi, quando i poliziotti si erano precipitati a casa della donna, avevano trovato il bambino con i segni della violenza sulla pelle: la madre l'aveva picchiato, afferrato per i polsi e sbattuto contro i mobili. Gli aveva morso una mano, graffiandogli anche viso e collo. Diciotto giorni di prognosi per quel ragazzino che poi la nonna ha accolto a casa.

Per la donna, subito arrestata, il giudice ha fatto scattare due giorni dopo l'allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento al ragazzino.

r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

A dodici anni ha già visto e subito l'esplosione di rabbia della madre. Una donna con una vita segnata dalla droga e che anche con lui era arrivata a perdere totalmente il controllo. Era stata la nonna, lo scorso 28 maggio, a chiamare il 112...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal