Sei in Gweb+

FIOCCO AZZURRO

Borgotaro, parto nel punto nascita «chiuso»

28 dicembre 2019, 05:02

Borgotaro, parto nel punto nascita «chiuso»

FRANCO BRUGNOLI

BORGOTARO Il portavoce del Comitato Pro Ospedale di Borgotaro, professor Rodolfo Marchini, ieri ha annunciato che era appena nato un bimbo nel reparto di Ginecologia (ex Punto Nascita) del nosocomio valligiano. Sì, una volta questa era la routine, oggi, invece è una cosa, a dir poco, straordinaria.

Per coloro che ancora non ne fossero informati, ricordiamo che questo reparto è chiuso da circa due anni, mentre la Ginecologia, con i servizi annessi, è rimasta sempre aperta. Orbene, ieri mattina, all'alba, una giovane donna ha informato i sanitari di aver avuto dei segnali, «pur - a suo avviso - non molto forti», ma riconducibili comunque al termine della gravidanza. Dopo poco, è giunto in ospedale, il referente di questo reparto del Santa Maria, dottor Roberto Brindani, il quale, assistito dall'ostetrica Stefania Schianchi, si è invece reso conto immediatamente che non vi sarebbe stato il tempo materiale di trasportare la donna all'ospedale di Fidenza-Vaio. In caso contrario, il bimbo sarebbe nato in ambulanza. E così, come prevedono, sia il protocollo, sia le disposizioni per simili casi, il bimbo è nato a Borgotaro. Si tratta di Andrea, un bel bambino di 3,300 chilogrammi, figlio di Giuseppe Lamanna e di Jessica Lanzillotta, entrambi residenti al «Borgo».

Il referente del Comitato, a nome di tutti i sostenitori, lo ha definito un ulteriore segno del destino (già un caso analogo era accaduto mesi fa) e sicuramente di buon auspicio. La mamma ed il bimbo, sono stati poi trasferiti all'ospedale di Fidenza, per le previste terapie «post-partum». Ora, tutti coloro che ancora lottano fermamente per la riapertura del «Punto Nascita», sperano che qualcosa possa cambiare. «Questo - ha detto Marchini - è il risultato di una sanità, che, pur con grossi sprechi di denaro pubblico, non consente, incredibilmente, a chi abita in zone già disagiate come le nostre, di poter nascere nel proprio luogo di residenza». I genitori del piccolo ed i parenti si sono poi vivamente congratulati con i sanitari di Borgotaro, «per la rara disponibilità e professionalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FRANCO BRUGNOLI BORGOTARO Il portavoce del Comitato Pro Ospedale di Borgotaro, professor Rodolfo Marchini, ieri ha annunciato che era appena nato un bimbo nel reparto di Ginecologia (ex Punto Nascita) del nosocomio valligiano. Sì, una volta...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal