Sei in Gweb+

BOTTEGHINO

Raccoglie un petardo e lo fa scoppiare: perde una mano

02 gennaio 2020, 05:08

Raccoglie un petardo e lo fa scoppiare: perde una mano

PIERLUIGI DALLAPINA

Non doveva iniziare così, con una mano disintegrata, il volto sfigurato dall'esplosione e la corsa verso l'ospedale, il primo giorno dell'anno per un moldavo di 34 anni ora ricoverato nel reparto di Rianimazione a causa delle gravissime ferite inferte da un petardo. O forse bisognerebbe parlare di una bomba, visto il fragore del boato, udito a centinaia di metri di distanza, e il modo in cui ha ridotto il corpo del giovane. Quella che doveva essere una giornata tranquilla dopo i festeggiamenti della notte di San Silvestro si è trasformata in tragedia verso le 18.30, quando il giovane ha deciso di far scoppiare dietro casa, al Botteghino, quel petardo raccolto per strada, mentre stava passeggiando con la moglie e il cane.

ESPLODE LA «BOMBA»

Il 34enne era uscito di casa verso sera, per portare il cane a fare quattro passi davanti a casa, nella zona del Botteghino Village, un complesso di capannoni, locali e attività commerciali alla periferia Sud della città. Ed è in una delle strade che circondano il complesso che il giovane ha notato qualcosa per strada che ha attirato la sua attenzione. Nei pressi di via Dei Sarti c'era un petardo inesploso e lui ha pensato di raccoglierlo per fare ciò che non avrebbe mai dovuto fare: portarselo a casa e accenderlo.

Appena rincasato, è andato dietro al capannone dove si trova la sua abitazione e ha acceso la miccia. Ad osservare la scena, a pochi metri da lui c'era la moglie insieme al cane. Con loro c'erano anche gli occhi elettronici di una telecamera di videosorveglianza, ed è proprio dalla visione del filmato che si capisce cosa è successo. Anzi, si prova ad intuire, perché come spiega il titolare dell'attività, quei pochi secondi ripresi dalla telecamera raccontano una storia tanto semplice quanto agghiacciante: nel filmato si vedrebbe l'uomo scomparire all'interno di una nuvola bianca che inghiotte ogni cosa. Dopo lo scoppio ci sono solo dolore e urla disperate.

SCOPPIO DEVASTANTE

Lo scoppio del petardo è stato devastante e assolutamente incontrollato, perché il 34enne, dopo aver dato fuoco alla miccia, non avrebbe avuto i secondi necessari per lanciare il petardo lontano da sé prima della sua esplosione. La conferma che qualcosa non ha funzionato e che quel botto, oltre ad essere difettoso era estremamente pericoloso, ci sono le ferite gravissime sul corpo del giovane. L'uomo non ha più una mano, ha perso tantissimo sangue e il suo volto è stato sfigurato. La moglie, nel panico, ha immediatamente allertato il 118 e al Botteghino si sono precipitate un'ambulanza e un'automedica, ripartite a sirene spiegate verso l'ospedale Maggiore. La vittima dell'esplosione ora è ricoverata in Rianimazione. Ma in via Traversetolo, nella zona del Botteghino Village, è arrivata anche una pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri, allertata dal 118.

INDAGANO GLI ARTIFICIERI

Perché quel petardo è esploso all'improvviso? Ma soprattutto, che potenza esplosiva aveva quel botto capace di strappare una mano ad un uomo che, per un eccesso di leggerezza, ha voluto far scoppiare quell'oggetto raccattato in mezzo alla strada? La risposta a queste domande è affidate ai carabinieri: i militari, ieri sera, oltre ad aver raccolto la testimonianza della moglie e di chi ha udito l'esplosione hanno perlustrato la zona dello scoppio per raccogliere ogni elemento utile per identificare il tipo di petardo. Le prove sono già nelle mani degli artificieri dell'Arma: se quel petardo era un botto illegale, chi lo ha prodotto rischia una denuncia penale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIERLUIGI DALLAPINA Non doveva iniziare così, con una mano disintegrata, il volto sfigurato dall'esplosione e la corsa verso l'ospedale, il primo giorno dell'anno per un moldavo di 34 anni ora ricoverato nel reparto di Rianimazione a causa delle...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal