Sei in Gweb+

Denunciati

Traversetolo, il sindaco «stana» due intrusi in Corte Agresti

03 gennaio 2020, 05:02

Traversetolo, il sindaco «stana» due intrusi in Corte Agresti

BIANCA MARIA SARTI

TRAVERSETOLO Si erano introdotti abusivamente in Corte Agresti a Capodanno, ma il sindaco e i Carabinieri, grazie alla segnalazione di un cittadino, li hanno scovati, nascosti nel sotto tetto: due giovani, un diciottenne e un minore, sono stati denunciati dal primo cittadino.

Nel tardo pomeriggio del 31 dicembre un traversetolese di passaggio in via Cantini ha notato quattro giovani adolescenti lungo il marciapiedi che costeggia la Corte Agresti, all'altezza delle finestre dei bagni di piano terra del centro civico. Ripassando per lo stesso punto, poco dopo aveva notato che solo due dei quattro ragazzi sostavano ancora nello stesso punto e, insospettito dai loro modi, ha deciso di avvisare, per scrupolo, il sindaco Simone Dall'Orto.

«Ho ricevuto la segnalazione del cittadino alle 17,45 – nel giro di 5 minuti io e la pattuglia dei Carabinieri, allertati da me, eravamo sul posto. Nonostante la Corte Agresti sia chiusa al pubblico fino al 7 gennaio, una delle finestre dei bagni era aperta, accostata; osservandola, è risultata manomessa dall'interno o dall'esterno. I due ragazzi che si trovavano fuori, interrogati da noi, ci hanno risposto che erano lì per caso».

Il sindaco aveva con sé le chiavi del centro civico, quindi lui e i Carabinieri sono entrati per un sopralluogo. «Abbiamo perlustrato il piano terra e il primo piano – spiega Dall'Orto – la biblioteca e la sala consiliare erano chiuse come da prassi. Quindi siamo saliti al secondo piano, nel sottotetto. Qui, nascosti in un angolo buio c'erano due ragazzi, un 18enne e un minore, di origine straniera e residenti a Traversetolo». I ragazzi, così sorpresi, si sono difesi dicendo che “Non stavano facendo niente”, ma i Carabinieri li hanno invitati a seguirli in caserma. Ieri, 2 gennaio, il sindaco ha sporto denuncia contro i due per tentato furto e danneggiamento. «Non sappiamo quali fossero le intenzioni dei ragazzi – spiega Dall'Orto – nel sottotetto sono immagazzinati strumenti e oggetti del Comune, inoltre uno di loro è stato trovato in possesso di un grinder, un utensile riconducibile al consumo di stupefacenti. Forse volevano sottrarre qualche oggetto, o fare danni, o stavano testando una base per consumare o spacciare stupefacenti. Resta il fatto che grazie al senso civico di un cittadino e alla rete di comunicazione tra istituzioni e forze dell'ordine è stato possibile cogliere in flagranza i giovani e prevenire eventuali ulteriori danni o comportamenti scorretti. Inoltre, grazie al sistema di videocamere “Occhi Vigili” coordinato dalla Polizia Locale dell'Unione Pedemontana è stato possibile recuperare anche immagini dei ragazzi che si introducono abusivamente in Corte. Ringrazio il cittadino che ha segnalato, i Carabinieri di Traversetolo, sempre disponibili, e l'operaio del Comune Gian Marco Varini che, seppure al di fuori dell'orario di lavoro, si è reso disponibile per rimettere in sicurezza la finestra del bagno manomessa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

BIANCA MARIA SARTI TRAVERSETOLO Si erano introdotti abusivamente in Corte Agresti a Capodanno, ma il sindaco e i Carabinieri, grazie alla segnalazione di un cittadino, li hanno scovati, nascosti nel sotto tetto: due giovani, un diciottenne e un...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal