Sei in Gweb+

Lutto

Addio all'ex prefetto Mazzitello

04 gennaio 2020, 05:06

Addio all'ex prefetto Mazzitello

Era arrivato a Parma per insediarsi nella carica di prefetto succedendo al parmigiano Claudio Gelati esattamente 29 anni fa, il 4 gennaio del 1991, confessando candidamente alla «Gazzetta» di non essere mai stato in precedenza nella nostra città. Ma in realtà Giuseppe Mazzitello, scomparso nei giorni scorsi a 84 anni, con Parma aveva stabilito una relazione fin da subito molto positiva.

Tanto che nei 4 anni di durata del suo incarico, fino al 1995 quando era arrivato come suo successore Tommaso Blonda, aveva saputo stabilire relazioni intense e proficue con tutte le istituzioni e anche i figli, all'epoca ancora piccoli, sono cresciuti e ancora vivono a Parma. Mazzitello era di origini calabresi, precisamente di Lambadi, in provincia di Catanzaro. Dopo essersi laureato in Giurisprudenza all'Università di Messina, Mazzitello era entrato giovanissimo nell'amministrazione statale dove poi è rimasto fino al termine della sua esperienza lavorativa. I primi incarichi li aveva avuti come consigliere di Prefettura a Venezia e a Firenze, quindi per 10 anni era stato impegnato nella segreteria del Consiglio di Stato a Roma e quindi per due anni come consigliere del ministro dell'Industria Antonio Bisaglia. Nel 1981 iniziò a Reggio Calabria la sua carriera come prefetto e dopo due anni venne trasferito a Brindisi dove rimase per 7 anni prima di arrivare a Parma.

Nei quattro anni da lui trascorsi alla guida di Palazzo Rangoni fra il 1991 e il 1995 «dovette affrontare fra le altre l'emergenza dell'arrivo nel Parmense della prima ondata di profughi albanesi e la grande piena del Po del 1994», ricorda Gabriele Ferrari, che all'epoca aveva l'incarico di capo della segreteria e responsabile dell'ufficio stampa della Prefettura». «Mazzitello - prosegue Ferrari - aveva una grande capacità di comunicazione e questo lo portò a instaurare buoni rapporti con tutti gli amministratori del territorio che andava a incontrare periodicamente nei vari comuni perché preferiva il contatto diretto. Ricordo che si era inserito perfettamente nella città nel giro di poco tempo». Gabriele Ferrari ricorda anche un aneddoto che lo riguarda: «All'epoca conoscevo Giovanni Goria, che era ministro dell'Agricoltura e mi proposte di trasferirmi a Roma per lavorare con lui al Ministero. Mazzitello disse di no al mio trasferimento perché, parole sue, “mi servi qui e sei più utile a tutti nel tuo territorio”».

Nel 1995 Mazzitello venne trasferito alla prefettura di Cagliari ma la famiglia rimase a vivere a Parma. In seguito diventò prefetto di Bari ma assunse anche la carica di presidente della Fondazione Magnani Rocca. Dopo avere concluso la carriera prefettizia Mazzitello ricopri anche altri incarichi, fra cui quello di direttore generale dell'assessorato all'Ambiente della regione Calabria.

Con Parma ha comunque sempre mantenuto rapporti stretti anche a distanza di anni. «Era un prefetto che non amava i formalismi inutili ma preferiva essere pragmatico - conclude Ferrari - e queste sue doti erano molto apprezzate da tutti i collaboratori proprio perché quando si presentava un problema lavorava a testa bassa per risolverlo».

I funerali di Giuseppe Mazzitello, che era malato da qualche tempo, si sono svolti in forma privata nei giorni scorsi.

r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Era arrivato a Parma per insediarsi nella carica di prefetto succedendo al parmigiano Claudio Gelati esattamente 29 anni fa, il 4 gennaio del 1991, confessando candidamente alla «Gazzetta» di non essere mai stato in precedenza nella nostra città. Ma...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal