Sei in Gweb+

Bardi

Accusato di stupro, parla il padre del trentenne

12 gennaio 2020, 05:07

Accusato di stupro, parla il padre del trentenne

MICHELE CEPARANO

BARDI Da Parma a Modena. È stato trasferito dal carcere di via Burla a quello modenese il trentenne accusato di violenza sessuale nei confronti di una ragazza che sarebbe stata commessa la mattina dell'Epifania nelle vicinanze del Palalandi di Bardi e arrestato dai carabinieri di Borgotaro.
Nei prossimi giorni il suo legale ne chiederà la scarcerazione. Nel frattempo sul caso interviene il padre del giovane arrestato.

Prima di tutto per rimarcare che suo figlio, la cui vicenda ha avuto una grande eco mediatica, è «un presunto responsabile» delle accuse che gli vengono mosse. «Voglio precisare - afferma - che al momento non c'è stato alcun dibattimento e tanto meno nessuna condanna da parte della magistratura. Esiste, invece, una denuncia verso un presunto responsabile per presunti fatti che sono da accertare. Quando questo sarà avvenuto, e solo allora, ci sarà un colpevole».

Il padre dell'accusato ha anche spiegato di essere preoccupato per quello che sarebbe stato scritto sui social a proposito della vicenda. «Minacce e insulti - prosegue - che mi inquietano molto anche per l'incolumità fisica di mio figlio». Nel frattempo, ieri mattina il trentenne è stato trasferito dal carcere di Parma a quello di Modena che, continua il padre, «è in grado di accogliere persone accusate di questi reati».

Le accuse nei confronti del figlio, se dimostrate, «prevedono una pena che può andare dai sette ai quattordici anni. Quindi, la situazione è delicatissima». L'avvocato del trentenne sta preparando, inoltre, l'istanza di scarcerazione che verrà presentata nei prossimi giorni.
Da padre, l'uomo ha comunque fiducia in quello che suo figlio, che lui non ha più potuto vedere dal momento del suo arresto, ha dichiarato davanti al giudice. «Mio figlio ha detto di non aver commesso questo fatto - conclude l'uomo - e di non aver nulla a che fare con le accuse che gli sono state mosse. Ha precedenti, ma non di questo tipo». Ha fiducia anche nella magistratura. «Saranno i giudici - conclude il genitore dell'arrestato - a stabilire la sua colpevolezza o meno. Non i media».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MICHELE CEPARANO BARDI Da Parma a Modena. È stato trasferito dal carcere di via Burla a quello modenese il trentenne accusato di violenza sessuale nei confronti di una ragazza che sarebbe stata commessa la mattina dell'Epifania nelle...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal