Sei in Gweb+

LUTTO

Mezzani, addio all'ultimo partigiano

12 gennaio 2020, 05:05

Mezzani, addio all'ultimo partigiano

CRISTIAN CALESTANI

MEZZANI«Partimmo a piccoli gruppi nei primi giorni di giugno del'44. Dopo poco ci ritrovammo in Valceno, vicino a Varsi. Eravamo una quarantina. Notai che i 18enni di Mezzano Inferiore, classe ‘26, c'erano tutti. Senza sapere l'uno cosa avrebbe fatto l'altro. Pensai che se l'Italia aveva avuto i ragazzi del ‘99 nella Prima guerra mondiale, Mezzani aveva avuto i ragazzi del ‘26 nella Seconda».

Era uno dei ragazzi del ‘26 Valdo Faveri «Paulus», l'ultimo partigiano vivente del Distaccamento Po di Mezzani scomparso a 93 anni. Del suo impegno per la Resistenza ne parlò, con orgoglio, negli scritti che lasciò all'Anpi di Mezzani, oggi conservati da Ferdinando Sbravati, in cui raccontò la sua opera da partigiano dai primi giorni di giugno del ‘44 sino alla Liberazione.

«Fu un bravo soldato della Resistenza – ricorda l'Anpi di Mezzani -. Una figura encomiabile che seppe interpretare il proprio ruolo con grande dignità e rispetto per tutti. Dai suoi scritti emerge il ritratto di una persona di grande umanità, il profilo di un uomo che agì nel segno della correttezza e della tolleranza, non risparmiandosi mai. Fu sempre rispettoso delle genti che accolsero ed aiutarono i partigiani sui monti dell'Appennino».

A Mezzani, prima di unirsi ai partigiani, conobbe personalmente la famiglia Isakovic. Erano gli anni tra il 1941 ed il 1942, scrisse lui stesso in una pubblicazione dell'Anpi, quando in paese giunsero in confino una trentina di persone straniere di religione ebraica, provenienti dalla Jugoslavia. Tra loro gli Isakovic ai quali, proprio in questi giorni, sono state dedicate a Mezzani le pietre di inciampo: c'era anche il piccolo Josif, a cui oggi sono intitolati la palestra di Mezzano Inferiore ed un concorso per i ragazzi della scuola media, che fu ucciso ad Auschwitz il 10 aprile del 1944.

In occasione del 70esimo anniversario della fine della seconda guerra mondiale Faveri ricevette una medaglia commemorativa dalla prefettura di Parma. Lascia i figli Alberto con Giovanna e Ileana con Angelo e gli adorati nipoti Cristina, Paolo, Marcello ed Elisa con i piccoli Alessandro e Federico.

Il funerale sarà celebrato lunedì alle 14 partendo dall'ospedale di Guastalla per la chiesa di Mezzano Inferiore dove l'arrivo è previsto per le 14.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CRISTIAN CALESTANI MEZZANI«Partimmo a piccoli gruppi nei primi giorni di giugno del'44. Dopo poco ci ritrovammo in Valceno, vicino a Varsi. Eravamo una quarantina. Notai che i 18enni di Mezzano Inferiore, classe ‘26, c'erano tutti. Senza sapere...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal