Sei in Gweb+

GLI ATTORI E IL PRESIDENTE

I due ragazzi in giallo con Mattarella: «Emozione fortissima»

13 gennaio 2020, 05:08

I due ragazzi in giallo con Mattarella: «Emozione fortissima»

PIERLUIGI DALLAPINA

Avere poco più di vent'anni e ricevere i complimenti del presidente della Repubblica: un incontro da far tremare le gambe. «È stata un'emozione significativa, quasi sublime», dice lui, alto e bellissimo, mentre a lei, frangia perfetta e labbra di un rosso acceso, quel brevissimo faccia a faccia con il presidente «ha dato una carica incredibile». Lei e lui sono i ragazzi in giallo, dal colore di Parma 2020, si chiamano Denise Beruffi, 25enne mantovana, e Giove Taioli, 24 anni di Verona, e sono i due protagonisti dei video promozionali della capitale italiana della cultura.

Nel giorno della visita di Sergio Mattarella per il via ufficiale e solenne a Parma 2020 anche i due attori hanno avuto il tempo per un brevissimo tête-à-tête con il presidente, in una saletta del Teatro Regio, pochi istanti prima della cerimonia. «L'emozione era fortissima, ma il presidente Mattarella ha la capacità di trasmettere grande calma», spiega Giove, modello dal nome impegnativo. «Durante l'attesa mi sentivo il cuore battere forte. Provavo un'ansia pazzesca, ma allo stesso tempo mi sentivo anche soddisfatta per essere lì a rappresentare la capitale italiana della cultura», racconta Denise, nel suo pomeriggio sotto i riflettori insieme al suo compagno sullo schermo, quel ragazzone affascinante, dallo sguardo languido che la cerca, e alla fine riesce a trovarla, tra le strade di Parma, sotto il palazzo della Pilotta, di fronte al ponte Verdi.

Da lì, promettono gli ideatori dei due filmati - non a caso intitolati Atto d'amore I e Atto d'amore II - partirà il terzo atto di questa storia fra i due giovani, un intreccio di sguardi e ammiccamenti che attraverso la passione di due ventenni racconta una passione più vasta e più aulica, quella che Parma, insieme alla sua provincia e ai territori di Reggio Emilia e Piacenza, nutre per la cultura.