Sei in Gweb+

Parma-Lecce 2-0

Iacoponi il trascinatore

14 gennaio 2020, 05:04

Iacoponi il trascinatore

IACOPONI 7 - Babacar è potente e si muove molto ma lui non lo soffre quasi mai e chiude bene i rari pertugi che si aprono davanti all'area. Realizza poi con una perentoria zuccata il suo secondo gol in serie A, il primo al Tardini, a sbloccare una partita che si stava complicando più del previsto. In settimana aveva avuto problemi (borsite all'anca) ma ha stretto i denti e si è rifatto trovare pronto. D'altra parte non ha ancora saltato una gara da quando il Parma è in serie A: se poi si mette anche a fare gol...

SEPE 6 - Ordinaria amministrazione nel primo tempo, sbaglia un rinvio con cui poteva lanciare in contropiede Kulusevski. Nella ripresa salva bene su Mancosu ed è salvato dalla traversa quando Lapadula calci apparentemente a colpo sicuro.

DARMIAN 5 - Spinge poco e in modo piuttosto prevedibile. In fase difensiva sulla destra si apre qualche falla. Anche nella ripresa, a differenza di molti compagni, non decolla, fa errori e rimedia un giallo.

ALVES 6 - Rararamente in difficoltà e visto che il Lecce usa poco i cross, non deve neanche troppo «sbattersi» nei duelli aerei. S'appisola però sulla traversa di Lapadula mentre in costruzione esibisce alcuni bel lanci.

GAGLIOLO 6 - Visto il tipo di partita si prende qualche licenza in più in fase d'attacco e nel primo tempo accompagna con costanza l'azione, mettendo in mezzo qualche bel cross.

GRASSI 6,5 - Dividere la sua zona con Hernani lo avvantaggia. A turno uno esce in pressing l'altro copre, qualche volta di troppo si fanno trovare sulla stessa linea, ma lui è parso più tonico che nelle ultime uscite.

SCOZZARELLA s.v. - Anche il suo ritorno in campo è assai positivo. Perde un brutto pallone ma aiuta a condurre in porto il match.

HERNANI 6 - Calcia alcuni bei corner, tra cui quello ben sfruttato da Iacoponi. Già nel primo tempo si becca l'immancabile giallo per un'entrata fuori tempo. Per il resto lotta e corre senza accendere la luce.

GERVINHO s.v. - Importante rivederlo in campo, magari contro la «sua» Roma in Coppa troverà più spazio. Nel recupero splendida la sua cavalcata a cui è mancato solo il tocco sotto finale.

KURTIC 5,5 - Squadra nuova, posizione nuova, lui appare molto sulle sue ma ci sarà tempo per inserirsi nei meccanismi crociati. Di certo gli abbiamo visto fare con varie maglie partite in cui ha inciso di più.

KULUSEVSKI 6,5 - Primo tempo inguardabile, riscattato da una ripresa in cui torna quello di qualche settimana fa, con tante iniziative e parecchi proficui scambi coi compagni. Sfiora un gran gol nel finale.

INGLESE 6 - Il meglio si sé lo dà in fase difensiva, lottando e correndo per aiutare la squadra e dimostrando di aver ritrovato una condizione fisica accettabile. Sotto porta però deve ancora ritrovare l'occhio della tigre, quello che Cornelius non ha perso.

CORNELIUS 6,5 - Cosa chiedere di più al vichingo? Entra e insacca il gol della tranquillità con una bella stoccata da opportunista. Un'altra importante pedina che torna al suo posto.

KUCKA 5,5 - Gioca dietro la prima punta in una posizione che gli permetterebbe di essere spesso letale ma lui ha polveri bagnate. Sbaglia due gol di testa, sul secondo centra la traversa e poi ci pensa Cornelius. Come trequartista ci aspettavamo francamente di più.

All. D'AVERSA 6,5 - La novità tattica la troviamo molto interessante e se nel primo tempo non è parsa efficace è probabilmente perché qualche giocatore era sotto tono. Con il 4-2-3-1 ieri sera ogni elemento era in una posizione a lui congeniale. C'era da riscattare lo sberlone di Bergamo e soprattutto da distanziare la terz'ultima di 14 punti. Missione compiuta e se la rosa non ricomincia a perdere i petali potremo divertirci ancora tanto.

Arbitro FABBRI 6 - Non ha certo avuto vita difficile e molto attenti sono parsi i suoi assistenti. Il Lecce s'è lamentato per un presunto fallo di Kulusevski a monte dell'azione del primo gol ma sembra un po' un cavillo. Diciamo che a volte sembrava essersi un po' accanito con Inglese, che si è visto fischiare molti falli, alcuni dei quali dubbi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

IACOPONI 7 - Babacar è potente e si muove molto ma lui non lo soffre quasi mai e chiude bene i rari pertugi che si aprono davanti all'area. Realizza poi con una perentoria zuccata il suo secondo gol in serie A, il primo al Tardini, a sbloccare una...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal