Sei in Gweb+

Tornolo

Sarah, dal Colorado sulle tracce degli antenati. L'appello ai nostri lettori

14 gennaio 2020, 05:05

Sarah, dal Colorado sulle tracce degli antenati. L'appello ai nostri lettori

GIORGIO CAMISA

TORNOLO Il richiamo atavico dei Bestraiai, ovvero di quelle persone che forzatamente hanno lasciato la propria terra per motivi di lavoro o di altre necessità, non ha limite, è come un virus dormiente che alla prima occasione si risveglia, manifesta tutto il suo fervore e riconduce alle proprie origini.

Testimone di una di queste belle storie è Sarah Sailer, una elegante e colta signora originaria dell’Alta Valtaro arrivata sabato a Tarsogno dagli Stati Uniti esclusivamente per riscoprire le sue origini.

Sarah vive a Heirloom Farms in Loveland, Colorado, è direttrice di una fattoria biologica dove vengono prodotti e coltivati verdure e frutti naturali e periodicamente organizzati progetti didattici ai quali partecipano scuole di ogni ordine e grado.

Azienda e laboratori sono gestiti in proprio dalla famiglia Sailer, marito, suoceri e quattro giovanissimi figli.

Sarah dopo tanti anni è riuscita a trovare un ritaglio di tempo per venire in Italia dove non era mai stata prima, visitare l’Alta Valtaro e la Valgotra, luoghi dove erano probabilmente nati e vissuti i suoi antenati.

Un viaggio per riallacciare rapporti con la parentela che da almeno cinquant’anni è stata interrotta e dimenticata, respirare quell’aria e bere quell’acqua che aveva dato vita ai suoi bisnonni, ripercorrere quei sentieri e aprire quella porta della loro casa probabilmente diroccata e fatiscente. Ieri l’avventura di Sarah è cominciata: prima qualche informazione in paese e poi l’invito del sindaco di Tornolo Renzo Lusardi che le ha aperto le porte all’archivio comunale.

Grazie all’interprete Mirko Dolfen, Sarah ha sfogliato pagine ingiallite dove erano scritti con la penna stilografica nomi, cognomi, età, mestieri e quant’altro sulla storia degli ultimi 200 anni di Tornolo e delle sue frazioni.

Verso sera le prime belle notizie: gli avi di Sarah sarebbero i Ferrari, i Mezzetta e i Sartori, la zona di provenienza più probabile potrebbe essere proprio quella di Albareto e Tornolo.

Il primo cittadino di Tornolo, la cui moglie fa di cognome Mezzetta, ha voluto ricevuto Sarah nella sala del consiglio comunale per consegnargli il gagliardetto del comune di Tornolo, fotocopie di atti che riguardano gli antenati, alcuni libri e una copia del giornalino «Nostru Paiese» della Famiglia Tarsognina.

Ora Sarah, attraverso la Gazzetta, lancia il suo appello e chiede collaborazione per portare a termine questa sua ricerca. Già da questa mattina sarà in Valgotra dove pare siano più probabili le sue origini.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA