Sei in Gweb+

TRAGEDIA

Morto Gianpaolo Zardin: era da poco head coach dei Panthers

27 gennaio 2020, 05:08

Morto Gianpaolo Zardin: era da poco head coach dei Panthers

PAOLO MULAZZI

Sgomento, incredulità, tristezza infinita in casa Panthers, per quanto accaduto a Gianpaolo Zardin.

Promosso head coach nelle scorse settimane, sabato è stato colto da un aneurisma nella casa in cui viveva ma che avrebbe dovuto lasciare di lì a poco.

Stava, infatti, provvedendo, insieme ad amici, a ultimare il trasloco per il trasferimento nella nuova abitazione. Invece ha trascorso i suoi ultimi attimi in una stanza del Maggiore dove si sono recati alcuni giocatori e dirigenti per stargli vicino un'ultima volta, incluso il nuovo giovane coach statunitense James Price che nei giorni scorsi lo ha incontrato appena arrivato a Parma, e coi quali aveva svolto allenamento venerdì sera.

Nulla faceva immaginare che un tragico epilogo si sarebbe consumato di lì a poche ore, con la morte cerebrale dichiarata ieri mattina.

I famigliari hanno acconsentito all'espianto degli organi. Non si è potuto godere né la sua casa nuova né il suo nuovo ruolo nei suoi Panthers. Suoi perché Zardin, classe 1961, è stato una «pantera» sin dagli albori.

Da quei primi anni ‘80 dello scorso millennio, di quei Panthers di Vic Dasaro, quelli che si allenavano in Cittadella. Fu lì che l'attuale presidente dei nero e argento, Ugo Bonvicini, allora giovanissimo pretendente a una casacca che poi indosserà, lo incontrò: da quel momento le loro strade hanno proseguito in parallelo.

La sua impronta l'ha lasciata a partire dall'inizio del nuovo millennio, quando i Panthers sono tornati in auge dopo aver chiuso l'attività per alcuni anni, entrando a far parte del coaching staff con alla guida Papoccia: una lunga cavalcata di 15 anni coi fantastici 4 titoli italiani consecutivi dal 2010 al 2013.

E' stato anche allenatore della sezione flag, le giovanili del football americano, dove ha avuto modo di crescere tre big come Canali, Malpeli Avalli e Monardi per i quali può essere considerato alla stregua di un padre sportivo.

L'ex quarterback ducale, Monardi, ora in Tennessee per lavoro, si è subito mosso per rientrare a Parma appena ricevuta la ferale notizia. Per tanti anni la difesa dei nero e argento è stata il punto forte su cui costruire le vittorie della squadra sfruttando, poi, le qualità dell'attacco e in questo c'è stata la mano del defensive coordinator Gianpaolo Zardin.

La società aveva scelto lui per il dopo Papoccia, promuovendolo a head coach pur mantenendogli la cura della difesa. Ne era contento, ma la sua contentezza si è ben presto spenta, trasformandosi nella tristezza di tutta la famiglia Panthers.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PAOLO MULAZZI Sgomento, incredulità, tristezza infinita in casa Panthers, per quanto accaduto a Gianpaolo Zardin. Promosso head coach nelle scorse settimane, sabato è stato colto da un aneurisma nella casa in cui viveva ma che avrebbe dovuto...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal