Sei in Gweb+

Abitava a Fontanellato

Il lutto per Fiorella Gasparetti. «Viveva per i suoi nipoti»

02 febbraio 2020, 05:07

Il lutto per Fiorella Gasparetti. «Viveva per i suoi nipoti»

Quando la notizia della morte di Fiorella Gasparetti è arrivata in paese tanti hanno sperato che potesse essere solo un errore, la beffa di uno scambio di persona. Ma l'amara conferma non ha tardato. E di colpo i tanti amici di Fontanellato si sono trovato con gli occhi bagnati e un nodo in gola. Senza poter fare altro che nascondere una lacrima con un cuore o un fiore da lasciare sui social.

«Adesso siamo sconvolti, è ovvio. Ma è forse proprio così che vorrei che mia mamma fosse ricordata: come un fiore pieno di colori».

A parlare è Samanta, una dei due figli della donna scomparsa, probabilmente per un malore, mentre, venerdì pomeriggio stava guidando la sua auto in piazza Caduti del Lavoro, qui a Parma. Uno schianto violento, improvviso, che ha fatto accorrere subito sul posto il personale del 118 che ha soccorso la 62enne. Ma, pochi minuti dopo, al suo arrivo al Maggiore, il suo cuore aveva ormai smesso di battere.

«I soccorsi sono stati immediati - spiegano gli agenti della polizia locale accorsi per i rilievi. - Una dottoressa di passaggio è intervenuta immediatamente ma le condizioni della conducente sono apparse disperate». E tutti hanno compreso che quella sbandata verso la piazza della macchina ormai senza controllo poteva essere solo dovuta ad un malore, uno di quelli che non lascia scampo.

Così, già nel tardo pomeriggi di venerdì a Fontanellato si è diffusa la notizia e in tanti hanno voluto, compostamente, stringersi intorno alla famiglia di Fiorella. Che già qualche anno fa aveva vissuto la drammatica esperienza della morte del marito.

«Le nostre condoglianze per Samanta e Sonny», hanno scritto in tanti ricordando come Fiorella, per un atroce scherzo del destino se n'è andata proprio quando aveva iniziato a godersi il suo ruolo di nonna, il calore dei suoi tre nipoti.

La 62enne, dopo una vita di lavoro in una azienda di Soragna, era infatti andata in pensione nello scorso mese di agosto e da allora si era concentrata sulla famiglia. Che ora non trova parole per esprimere il dolore.

«Non sappiamo ancora quando potremo fare il rosario e le esequie - prosegue la figlia. - Ma sicuramente la saluteremo con qualcosa di privato, intimo, come anche lei avrebbe voluto. Ci saranno gli amici più cari, noi della famiglia. Mia mamma viveva per i suoi nipoti, per noi figli. E noi le diremo addio».

Con un abbraccio discreto e un sorriso triste. Quello che esce quando un fiore si spegne troppo presto. r.c.

Quando la notizia della morte di Fiorella Gasparetti è arrivata in paese tanti hanno sperato che potesse essere solo un errore, la beffa di uno scambio di persona. Ma l'amara conferma non ha tardato. E di colpo i tanti amici di Fontanellato si...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal