Sei in Gweb+

Langhirano

Musica troppo alta nel capannone «disco» di Pilastro: proteste

19 febbraio 2020, 05:02

Musica troppo alta nel capannone «disco» di Pilastro: proteste

LANGHIRANO La musica a tutto volume, la strada presa come orinatoio, a volte anche inquietanti schiamazzi: sono esasperati gli abitanti di una zona Pilastro di Langhirano, dove a turbare la quiete notturna è la musica che proviene da un locale pubblico che di notte si trasforma in un «club», una sorta di discoteca dove fino alle 6 del mattino suona musica afrobeat, afrohouse, raeggeton, hip-hop e commerciale.

Ad ospitare il locale è uno dei capannoni commerciali del quartiere artigianale di Pilastro. «Un capannone che non è adatto, per le sue caratteristiche, ad ospitare un locale del genere – fanno notare alcuni abitanti della zona che, temendo ritorsioni, preferiscono rimanere anonimi – ma dove invece dal 1996 si sono susseguite discoteche affidate a diverse gestioni, l’ultima delle quali ha inaugurato a novembre». Sulla carta, secondo gli abitanti, il locale dovrebbe essere un bar «ma qual è il bar che rimane aperto fino all’alba, dove si balla e dove si ascolta la musica a tutto volume?».

A disturbare il sonno degli abitanti sono soprattutto i bassi, che producono vibrazioni che si propagano fino alle abitazioni vicine. «La musica suona spesso fino a tardi – spiegano esasperati gli abitanti –, non c’è una regola, si va avanti a piacimento del gestore del locale. Le abbiamo provate tutte, dal barricarci in casa fino ai tappi per le orecchie, ma non c’è stato nulla da fare: il locale, che non dovrebbe essere adibito a discoteca, non è insonorizzato e le vibrazioni ci fanno perdere il sonno. Senza contare le urla e gli schiamazzi dei frequentatori del locale, che non si fanno scrupoli neppure a usare la strada come gabinetto a cielo aperto, uomini o donne che siano. L’unica soluzione per ritrovare la nostra tranquillità sarebbe andarsene di qua, ma non è giusto». «Abbiamo anche provato a chiedere di abbassare il volume della musica – aggiunge qualcuno – ma siamo stati presi a male parole e ce ne siamo tornati in casa con la coda fra le gambe, spaventati». Alcuni abitanti della zona hanno chiamato anche i Carabinieri di Langhirano per cercare di risolvere la questione. «Sono intervenuti alcune volte anche su nostra segnalazione – raccontano –: hanno fatto alcune multe, ma la situazione non è cambiata». La questione è arrivata anche sui banchi del consiglio comunale di Langhirano, segnalata dal consigliere di minoranza Enrico Sicuri. «Abbiamo portato la questione all’attenzione del sindaco e della sua amministrazione dopo alcune segnalazioni da parte degli abitanti di Pilastro – spiega Sicuri -. Abbiamo segnalato che questo locale segue orari da locale da ballo e non certo da bar e che è necessario intervenire per risolvere la situazione». L’amministrazione ha risposto che la situazione è all’attenzione del Comune e delle forze dell’ordine e che sono state avviate tutte le procedure di controllo del caso. r.c.

LANGHIRANO La musica a tutto volume, la strada presa come orinatoio, a volte anche inquietanti schiamazzi: sono esasperati gli abitanti di una zona Pilastro di Langhirano, dove a turbare la quiete notturna è la musica che proviene da un locale...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal