Sei in Gweb+

Droga

Allarme, sempre più minorenni «sballati»

27 febbraio 2020, 05:05

Allarme, sempre più minorenni «sballati»

LUCA MOLINARI

In molti casi non si tratta di «scapestrati» o di persone con gravi problematiche, ma di normali studenti in cerca di sballo, più o meno insospettabili. È in costante incremento il numero di parmigiani «a rischio sostanze» soprattutto tra i 14 e i 17 anni. Per affrontare questa emergenza, l’Ausl sta lavorando su più fronti. L'altro ieri in Prefettura è stato sottoscritto il protocollo operativo sperimentale «Sulle orme della consapevolezza», pensato per intercettare il maggior numero possibile di minorenni, ma soprattutto le loro famiglie.

Lo scorso anno sono stati segnalati alla Prefettura 62 minorenni per il consumo di droga e alcol, quasi il doppio rispetto al 2018, quando si erano fermati a quota 38. Anche per affrontare questa emergenza è stato riaperto «Mondo Teen», lo spazio dedicato ai minori con problemi di uso e abuso di sostanze che si trova all’interno della Casa della salute del bambino e dell’adolescente di viale Fratti, al quale si aggiungono anche altri servizi collegati al Serdp (Servizio per le dipendenze) diretto da Maria Antonioni.

«I minorenni attualmente presi in carica dal servizio “Mondo Teen” sono poche decine – precisa la dottoressa – ma si tratta di un numero piuttosto limitato rispetto alla reale entità del problema. I numeri dei minori che consumano droga e alcol sono, purtroppo, ben più elevati. Spesso però i giovanissimi, non avendo consapevolezza del rischio che corrono, non si rivolgono ai nostri servizi».

Da qui l’impegno dell’Ausl a dar vita a una rete di servizi per intercettare il maggior numero possibile di minorenni e le loro famiglie. «L’accordo stretto con la Prefettura – sottolinea Maria Antonioni – è stato voluto per intercettare più minorenni e soprattutto le loro famiglie. L’originalità del progetto, infatti, sta nei colloqui che i genitori devono fare con gli operatori del Sert, per fornire una maggiore consapevolezza rispetto ai rischi per la salute e legali rispetto all’uso di sostanze».

Spesso infatti devono essere aiutati non solo i giovani, ma anche le loro famiglie. «Lavorare su più fronti è fondamentale per fare prevenzione, creare consapevolezza e far comprendere la cura – prosegue la direttrice del Serdp –. Poter contare sull’aiuto delle famiglie, soprattutto nel caso dei minori, è imprescindibile per ottenere dei risultati positivi».

Anche tra i giovanissimi infatti avviene il cosiddetto poliabuso, ossia l’abuso di più sostanze stupefacenti o di alcol e droga. «Chi si rivolge a noi fa uso di alcol, cannabis e cocaina – rimarca Maria Antonioni –. Abbiamo intercettato anche qualche ragazzo che utilizza eroina, ma il problema si aggrava quando avviene un poliabuso. Nella grande maggioranza dei casi si tratta di giovani studenti, persone che poi tornano alla normalità, ma c’è una parte che dimostra una vulnerabilità rispetto a uso di droga e alcol. Poterli intercettare precocemente è fondamentale».

I danni provocati da alcol e droga nei giovanissimi sono molto gravi. «L’uso di sostanze eccitanti fa sviluppare più facilmente delle patologie – precisa la responsabile del Serdp –. E non aiuta a studiare, tutt’altro. Molto spesso questi ragazzi sono concentrati sulla ricerca delle sostanze e sullo sballo».

Un ulteriore problema è legato all’utilizzo di sostanze stupefacenti nuove, che non riescono a emergere dagli esami tossicologici. Oggi le sostanze psicoattive che circolano sono almeno ottocento, tra sintetiche e naturali, ma i test urinari ne recepiscono soltanto alcune categorie. «I giovani e le famiglie possono rivolgersi a noi anche in anonimato – conclude Maria Antonioni – il servizio “Mondo Teen” è aperto il lunedì dalle 15 alle 17. Per avere ulteriori informazioni basta chiamare il Serdp al numero 0521393136».

LUCA MOLINARI In molti casi non si tratta di «scapestrati» o di persone con gravi problematiche, ma di normali studenti in cerca di sballo, più o meno insospettabili. È in costante incremento il numero di parmigiani «a rischio sostanze»...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal