Sei in Gweb+

SALSOMAGGIORE

Fritelli: «Emergenza virus, solo a marzo oltre 8mila disdette negli hotel»

29 febbraio 2020, 05:06

Fritelli: «Emergenza virus, solo a marzo oltre 8mila disdette negli hotel»

EGIDIO BANDINI

Se nelle prime ore l'emergenza coronavirus era sanitaria, oggi, ad una settimana dall'esplosione dell'epidemia, appare altrettanto grave, anche in prospettiva, quello che il sindaco di Salsomaggiore ha chiamato «contagio economico».

«La situazione è davvero allarmante – dice Filippo Fritelli, che già era intervenuto nei giorni scorsi per lanciare l'allarme – per il solo mese di marzo scontiamo oltre 8000 disdette causa il coronavirus, distribuite su tutte le strutture alberghiere di Salso e di Tabiano. Senza contare il numero di coloro che non prenoteranno mai, non solo i cosiddetti “last minute”, ma anche quelli di primavera-estate, che potrebbero essere irrimediabilmente perduti».

Oltre la conta dei danni, però, il sindaco è corso ai ripari, con proposte concrete da presentare, sia al Governo che alla Regione: «Abbiamo immediatamente istituito un tavolo di crisi, con gli albergatori di Salso e Tabiano – dice Fritelli – assieme ai sindacati Cgil, Cisl e Uil: tavolo che allargheremo al mondo delle associazioni di categoria, alle imprese e al terziario. Un tavolo che dovrà diventare stabile, per monitorare la crisi passo dopo passo, come un “fil rouge”, che permetta di dare la massima disponibilità per una difesa forte del territorio e della nostra realtà termale che, al pari degli alberghi, si trova davvero in prima linea sul fronte di una crisi che non può essere affrontata solo con gli strumenti ordinari di sostegno al reddito: occorrerà mettere in campo – sottolinea il sindaco – interventi straordinari che proporremo in coordinamento con i consulenti del lavoro e con le parti sociali. Il Governo prevede azioni per le imprese della zona rossa, ma occorrerà che si diano gli stessi strumenti alle attività della zona gialla, in cui si trova anche Salso: innanzitutto un sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti che stentano ad arrivare a fine mese, poi un alleggerimento dei tributi, che dia ossigeno anche alle aziende. Il rinvio dei pagamenti di imposte e tributi proposto dall'esecutivo non incide sul rapporto deficit-Pil, ma la sospensione sì, per questo ci rivolgiamo all'Europa, che riconsideri la flessibilità del rapporto stesso, consentendo di applicare sospensioni dei pagamenti alle aziende in difficoltà».

«Oltre questo, come ha fatto Riccione, approveremo un rinvio dei termini di pagamento della tassa di soggiorno, per lasciare liquidità agli alberghi – conclude Fritelli – e proporremo, con la cassa integrazione straordinaria, sospensioni o rinvii dei pagamenti, più una moratoria sui mutui e il credito d'imposta sull'Imu, in modo che, anche se non corrisposta al proprietario, si riverberi sul canone d'affitto. Infine, purché i comuni siano rifusi di pari risorse, interventi sulla tassazione locale. Questo porteremo all'attenzione del presidente della Regione e dei nuovi assessori, perché siano il nostro tramite con il Governo e l'Europa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

EGIDIO BANDINI Se nelle prime ore l'emergenza coronavirus era sanitaria, oggi, ad una settimana dall'esplosione dell'epidemia, appare altrettanto grave, anche in prospettiva, quello che il sindaco di Salsomaggiore ha chiamato «contagio...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal