Sei in Gweb+

IL RICORDO

Marco, volontario entusiasta e coinvolgente

04 marzo 2020, 05:05

Marco, volontario entusiasta e coinvolgente

CHIARA DE CARLI

FONTEVIVO Non ce l’ha fatta Marco Scaffardi, nonostante la forza dei suoi 23 anni e l’immensa voglia di vivere. Non ce l'ha fatta a sconfiggere il cancro che lo aveva colpito ormai più di tre anni fa. Lunedì pomeriggio la notizia della sua morte è arrivata agli amici più stretti e si è poi sparsa veloce in ogni angolo d’Italia permettendo a tutti quelli che avevano conosciuto Marco di riunirsi in un ideale corale abbraccio alla sua famiglia. Pronto a dare una mano, attento ai bisogni degli altri, sempre sorridente e con un grande coraggio: così lo ricordano tutti.

SERIO E VOLONTEROSO
Ma a colpire era soprattutto la sua voglia di dare il proprio contributo alla comunità in cui era cresciuto. «Ancora studente delle scuole superiori aveva svolto uno stage estivo in municipio a Fontevivo - ricorda l’allora assessore Raffaella Pini -. In quelle settimane si era fatto apprezzare per la sua serietà. Aveva voglia di fare e di imparare: qualità che non sono scontate». E nello stesso anno, il 2013, Marco decide di vestire la divisa della Croce Rossa di Fontanellato: entrato nelle file dei Giovani appena maggiorenne, dopo qualche mese diventa «Smilzo», «operatore del sorriso» prima e «clown dottore» poi, mettendo in campo un entusiasmo tale da arrivare a far vestire la divisa anche alla mamma Sonia.

TANTI IMPEGNI
Tanti impegni, davanti ai quali Marco non si è mai tirato indietro, nemmeno quando le cure mediche rubavano tanto del suo tempo, e a cui si aggiungeva anche quello, amatissimo, con la Banda Luigi Pini di Fontanellato. «Aveva iniziato a suonare in prima media ed è rimasto uno di noi fino alla fine - dice commosso il presidente del corpo bandistico Fabio Moroni che per anni, durante le esibizioni, lo ha avuto fianco a fianco -. Anche quando la malattia non gli ha più consentito di suonare, non ha rinunciato a far parte del gruppo. L’ultima uscita insieme è stata a Cassine, dove ha guidato la nostra sfilata con lo stendardo della banda e si è improvvisato presentatore al concerto serale. Sempre presente alle prove, ai servizi e persino a fare la torta fritta se mancava qualcuno. L’ultima cosa di cui abbiamo parlato, pochi giorni fa, sono stati i preparativi per la trasferta a Kisslegg della prossima estate: voleva rimettersi in piedi per partecipare». Ma oggi non sono solo i gruppi di cui faceva parte a piangerne la scomparsa: tutti i comitati della provincia sono rimasti attoniti davanti alla notizia.

POSITIVITÀ E OTTIMISMO
«Gli amici di vita coincidevano con quelli della Croce Rossa - dice Gabriele Calì, volontario della Cri di Medesano e rappresentante regionale dei giovani Cri -. A causa della malattia ha dovuto rinunciare a tante cose ma non ne parlava mai e affrontava tutto con grande positività e ottimismo: persino quando le cure si facevano aggressive non si è mai lasciato abbattere e questo è stato un grande insegnamento per tutti».

L'ULTIMO SALUTO
E l’ultimo saluto, domani alle 15,30 in abbazia a Fontevivo, sarà «in grande stile». Se a vegliarlo in chiesa ci potranno essere solo i famigliari e il picchetto d’onore della Croce Rossa, sul sagrato arriveranno labari da tutta la provincia. «So che non ci lascerà mai - dice il neopresidente della Cri di Fontanellato Salvatore Di Gregorio -. Lo sento ancora che mi riempie la testa di progetti e di cose da fare nei prossimi quattro anni e lo vedo ancora sorridente che mi dice “chiama se hai bisogno, sai che per te ci sono sempre.” Lascia un grande vuoto, Marcolino, un vuoto che solo chi gli ha voluto bene e che ha avuto la fortuna di averlo nella sua vita può sentire».

CHIARA DE CARLI FONTEVIVO Non ce l’ha fatta Marco Scaffardi, nonostante la forza dei suoi 23 anni e l’immensa voglia di vivere. Non ce l'ha fatta a sconfiggere il cancro che lo aveva colpito ormai più di tre anni fa. Lunedì pomeriggio la notizia...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal