Sei in Gweb+

LUTTO

Fidenza e Fontanellato dicono addio al tipografo Cristoforetti

19 marzo 2020, 05:02

Fidenza e Fontanellato dicono addio al tipografo Cristoforetti

La città dice addio al tipografo borghigiano Giancarlo Cristoforetti. Classe 1939, fidentino del sasso, è stato uno storico tipografo che ha lavorato tanti anni a Fontanellato. Primo di cinque fratelli e sorelle, Giancarlo ha abitato per tutta l’infanzia e l’adolescenza vicino al duomo di Fidenza, frequentando la parrocchia e seguendo in particolare gli insegnamenti e l’esempio di don Bonini.

Aveva iniziato a lavorare giovanissimo alla tipografia «La Commerciale», continuando la secolare tradizione che lega questa famiglia al mestiere degli stampatori: parola di cui andava fierissimo. Nel 1969 aveva deciso di fondare la sua nuova tipografia a Fontanellato, diventando così imprenditore e trasferendo le competenze dell’arte grafica nella Bassa parmense.

I primi tempi erano stati difficili ma un grande spirito di iniziativa e una incredibile propensione al lavoro avevano messo la nuova azienda sui giusti binari. Passati gli anni settanta erano arrivati anche i tempi della crescita che avevano premiato l’impegno e la voglia di innovazione di Giancarlo. In breve tempo aveva acquistato nuovi macchinari e inaugurato il capannone nel quartiere artigianale di Fontanellato.

Cristoforetti aveva insegnato lo storico mestiere di stampatore anche a tanti ragazzi del posto. Grande appassionato di escursioni, quasi a sottolineare la voglia di raggiungere sempre nuove vette e percorrere nuovi sentieri, Giancarlo era dotato di grandissima umanità e generosità. Tutti lo ricordano con affetto.

A Fidenza era un appassionato socio di Ucid, l’Unione cristiana imprenditori dirigenti, di cui ne condivideva spirito e valori. Arrivato ai 71 anni la sua memoria aveva iniziato a dare qualche segnale negativo, e negli anni successivi gli era stata diagnosticata una malattia degenerativa che aveva portato purtroppo Giancarlo a “reinventarsi”, non abbandonando mai il desiderio di socialità, di condivisione e di amore per la vita.

Giancarlo ha lasciato la moglie Claudia Verderi, con cui ha condiviso tutti i traguardi della sua vita, e i figli Michele con Lucia e Daniele con Elena e i nipoti Matilde, Tommaso e Livia. La moglie e i figli ci tengono a ringraziare in modo particolare i centri diurni di Fidenza «Il Giardino» e «Scaramuzza», dove Giancarlo ha passato tanti bei momenti negli ultimi anni di vita e dove ha trovato una straordinaria accoglienza da parte del personale e delle compagne e compagni di cammino.

s.l.