Sei in Gweb+

LUTTO

Salso piange il dottor Revont, medico delle Terme: aveva 61 anni

30 marzo 2020, 05:06

Salso piange il dottor Revont, medico delle Terme: aveva 61 anni

Salsomaggiore piange la scomparsa avvenuta nella notte tra sabato e ieri del dottor Ghvont Mrad, da tutti conosciuto come Revont.

Nato nel 1959 in Siria da una famiglia di origine Armena che contava, oltre a Ghvont, anche altri quattro figli maschi ed una femmina, dopo aver studiato nello Stato mediorientale si era laureato all’università indiana di Rewa in Medicina, specializzandosi poi in ginecologia. Una volta trasferitosi in Italia sul finire degli anni Ottanta, ed ottenuta la cittadinanza italiana, aveva raggiunto Salsomaggiore dove risiede uno dei fratelli, Sarkis, a sua volta medico (lavora a Villa Igea), intraprendendo l’attività di commerciante.

Per vedersi riconosciuta in Italia la laurea conseguita in India, Revont si iscrisse all’università di Pavia dove aveva completato gli studi laureandosi alla facoltà di Medicina e Chirurgia con specializzazione in idrologia medica. Successivamente, Revont Mrad venne assunto alle dipendenze dell’azienda termale. Appassionato di medicina alternativa, in particolare di agopuntura, aveva aperto con successo uno studio per l’agopuntura a Fidenza: grazie alla sua professionalità ed al costante aggiornamento - era solito recarsi in Cina e Danimarca per apprendere nuove tecniche ed approfondire le proprie conoscenze della materia - Revont aveva saputo conquistarsi la stima di numerose persone che si recavano nel suo studio per effettuare le «sedute».

La notizia della scomparsa di Revont Mrad ha fatto velocemente ieri mattina il giro della città, dove era molto conosciuto e stimato, suscitando profondo cordoglio: persona dal carattere buono, generoso, sensibile, era sempre disponibile ad aiutare il prossimo con un sorriso.

Amante della lettura, studioso della cultura aramaica, non perdeva occasione per acquistare libri su quella lingua che conosceva molto bene. Le spoglie di Revont Mrad riposeranno nel cimitero civico.

M.L