Sei in Gweb+

Lutto

Addio a Ferrari, fu tra i fondatori della Arel

03 aprile 2020, 05:02

Addio a Ferrari, fu tra i fondatori della Arel

LORENZO SARTORIO

"Pramzàn dal sas", meglio ancora "oltretorrentino doc", nato in strada D'Azeglio, con un'infanzia e un'adolescenza trascorse in "borg Bartàn" (borgo Bernabei), proprio nel cuore "de dla da l'acqua". Di questa popolare fetta della città, Amilcare Ferrari, deceduto nei giorni scorsi all'età di 74 anni, aveva assorbito tutta la generosità, la simpatia e quello spirito solidaristico che ha sempre caratterizzato il nostro Oltretorrente.

Figlio di una "rezdora" e di un "maringòn" (falegname) che lavorava alle dipendenze dell'ospedale, Amilcare, dopo essere entrato nel mondo del lavoro giovanissimo, nel 1971, coronò il suo grande sogno fondando con i soci Mario Bonelli, Giuseppe Salsi e Otello Zazzali, la ditta Arel, specializzata in ricambi per elettrodomestici, con sede in via Ambrogio Ferrari, laterale di viale dei Mille. Una realtà che, negli anni, divenne un punto di riferimento nello specifico settore merceologico sia per i privati che per i tecnici del ramo. Attualmente la ditta è gestita dai figli di Amilcare, Lara e Alessandro insieme al socio Francesco Zazzali.

Carattere pacioso, allegro, sempre pronto alla battuta, amante come pochi della compagnia, Ferrari era innamorato della propria città dov'era stimato e conosciutissimo, specie nel suo quartiere. Non a caso era un frequentatore abituale di alcuni luoghi-simbolo di Parma vecchia: il bar K2 e la Latteria 66 di via Imbriani, per fare solo un paio di esempi. E da quando si era trasferito nel quartiere Montanara, non mancava mai all'appuntamento con gli amici per la briscola nel parmigianissimo circolo Filippelli.

Tifoso della Juve , ma con cuore che batteva anche per il Parma, era legatissimo alla famiglia: alla moglie Silvana, ai figli Lara, Monica e Alessandro, alla nuora Elena e ai generi Davide e Stefano. Come pure adorava i nipoti Lorenzo (che ha giocato per anni nel Rugby Parma), Gianluca (che gioca in 2ª categoria nel Palanzano), Aurora (che milita nella squadra di calcio femminile del Sassuolo) e Francesca (che pratica atletica leggera).