Sei in Gweb+

Coronavirus

Rifiuti, parte la raccolta per chi non può uscire di casa

08 aprile 2020, 05:02

Rifiuti, parte la raccolta per chi non può uscire di casa

LUCA MOLINARI

Parte la raccolta al piano (ossia davanti alla porta di casa) dei rifiuti per chi non può uscire di casa. Nei prossimi giorni - probabilmente già da questa settimana - chi è positivo al coronavirus o si trova in quarantena o è impossibilitato a portare i rifiuti fuori di casa (come, ad esempio, gli anziani) e non ha parenti o altre persone che possano aiutarlo, potrà godere di questo speciale servizio.

L’annuncio è arrivato ieri pomeriggio da Tiziana Benassi, assessore alla Sostenibilità ambientale, nel corso della seduta telematica della commissione consiliare «Lavori pubblici, ambiente, interventi su viabilità e traffico».

«Attualmente chi si trova in quarantena o è positivo al coronavirus – ha spiegato – è obbligato a non differenziare più i rifiuti di casa sino al risolversi della situazione di contagio, e quindi deve conferire tutti i rifiuti (plastica, vetro, carta, umido, metallo e indifferenziata) nel rifiuto residuo».

«Per venire incontro a chi non ha parenti o altre persone che possano aiutarlo in questo delicato momento - ha proseguito l’assessore - assieme a Iren abbiamo progettato la raccolta del rifiuto indifferenziato direttamente al piano (davanti alla porta della propria casa ndr). L’Amministrazione comunale è già in possesso di un elenco delle persone che necessitano di usufruire del servizio, che partirà nei prossimi giorni, probabilmente già da questa settimana. Chi si trovasse in una situazione di bisogno può comunque segnalarlo al numero verde di Iren 800.212607».

 

NUOVI ORARI DEI BUS

All'ordine del giorno anche l’organizzazione dei nuovi orari e percorsi del trasporto pubblico. Durante le festività pasquali (sabato 11, domenica 12 – Pasqua- e lunedì 13 aprile – Pasquetta) saranno in vigore i servizi festivi, sia in città che nell’intera provincia. Nella zona urbana saranno attive 5 linee urbane (la 2, la 3, la 5, la 7 e la 8) fino alle 20 con frequenza festiva invernale, mentre fuori città sarà in vigore il normale servizio extraurbano festivo invernale.

Da mercoledì 15 aprile, terminate le vacanze pasquali, avrà inizio il servizio estivo del tpl. In pratica, saranno attive le linee e le frequenze normalmente previste nei mesi di giugno e di settembre, subito dopo la fine dall’anno scolastico (giugno) e nelle settimane immediatamente precedenti l’inizio di quello successivo (settembre).

Sempre dal 15 aprile sarà parzialmente ripristinato il servizio notturno, con frequenza fino alle 22. «La grande sfida si giocherà a settembre - ha sottolineato l’assessore Benassi - quando, molto probabilmente, si dovranno garantire determinate disposizioni sanitarie (tra cui la distanza di almeno un metro per passeggero ndr) senza abbassare la qualità del servizio. Se pensiamo agli orari di punta, si comprende bene la difficoltà nel rispettare determinate norme».

TRANSITI E SOSTE

Per quanto riguarda transiti e soste, l’assessore Benassi ha ribadito quanto stabilito e prorogato nei giorni scorsi. «Fino al 13 aprile è prorogata la sospensione della sosta a pagamento in tutte le righe blu e bianco-blu, del disco orario, delle Ztl con contestuale disattivazione dei varchi, dell’isola ambientale di borgo Tommasini-via Nazario Sauro – ha precisato Tiziana Benassi – E’ stato inoltre esteso il permesso previsto per i medici di base a tutto il personale medico per l’intero 2020». Prorogata infine, fino al 15 giugno, la validità dei permessi in scadenza. Quest’ultimo provvedimento riguarda le seguenti tipologie di permessi: permessi Aaa (Auto Amica Ambiente), permessi disabili, permessi nuovi o provvisori. Nel complesso si tratta di circa 3600 permessi che Infomobility provvederà a pianificare con accoglienza al front office per pacchetti, per evitare code all’utenza, nel momento in cui verrà decretata la riapertura degli uffici. Per quanto riguarda infine i centri di raccolta dei rifiuti, al momento sono aperti soltanto quelli di via Bonomi e via Barbacini (due su quattro).