Sei in Gweb+

PAURA

Fidenza, rapina all'ortopedia Gualerzi

15 aprile 2020, 05:04

Fidenza, rapina all'ortopedia Gualerzi

Nessuno in giro e pochissimi i negozi aperti: così un malvivente, ieri mattina, ha approfittato dalla situazione surreale per mettere a segno il suo disegno. Col viso nascosto da uno scaldacollo, una cuffia e occhiali da sole si è infilato all’orario di apertura, nel negozio di articoli ortopedici e sanitari Gualerzi, nei complesso dei Terragli, che si affaccia sul tratto che affianca la stazione ferroviaria. Nel negozio, appena aperto, si trovava la titolare, che si è vista di fronte il malvivente, che le ha mostrato una pistola che teneva nella cintura. Quindi le ha intimato di consegnarle i soldi: in tutto cento euro. L’uomo è quindi scappato a piedi col suo magro bottino. Parlava perfettamente italiano, magro, alto un metro e ottanta-ottacinque, pareva giovane. La titolare, seppur spaventata, ha cercato di tenere i nervi saldi e ha allertato il 112. Sul posto si è portata immediatamente una pattuglia di carabinieri: subito è scattata una caccia all’uomo. I militari hanno setacciato tutta la zona intorno alla stazione non tralasciando le strade vicine. Ma del malvivente non c’era traccia.

Anche nessuno dei residenti si è accorto di nulla. L’uomo è scappato a piedi e molto probabilmente un complice lo attendeva in auto in qualche strada nei pressi. Anche perché di strade intorno ce ne sono parecchie. I carabinieri hanno effettuato anche un sopralluogo all’interno del negozio, alla ricerca di eventuali tracce lasciate dall’uomo. Intanto continuano le indagini non tralasciando nessuna pista. La titolare ha messo in guardia i colleghi e i concittadini, postando un appello sui social. Numerosi i messaggi di solidarietà che i fidentini hanno postato, ma anche di indignazione per il gesto vergognoso messo a segno dal malvivente, in questa situazione di emergenza.

«Sono disperati che rapinano per poche decine di euro e purtroppo agiscono approfittando di questa situazione. A dir poco gesti vergognosi, in un momento in cui le persone stanno male, hanno paura, hanno lutti e congiunti ammalati» è stato il coro unanime che si è levato suoi social. Solo pochi giorni fa un’altra rapina, con lo stesso identico copione, era stata compiuta, sempre in pieno giorno, alla farmacia Cavour, nell’omonima strada. Anche qui, un uomo, col viso nascosto, scaldacollo e occhiali da sole, era entrato nella farmacia, stringendo in pugno una pistola e intimando alla farmacista di consegnargli i soldi: in tutto duecento euro. r.c.