Sei in Gweb+

Coronavirus

«Quel maglione forse per qualcuno vale tanto»

20 aprile 2020, 05:07

«Quel maglione forse per qualcuno vale tanto»

LUCA PELAGATTI

Si potrebbe dire: è solo un maglione. Ma, in fondo, le nostre vite, le vite di tutti, non sono condensate proprio in semplici oggetti come questo? Un anello per ricordare un giorno speciale, un libro per riassumere un grande sogno, un mazzo di fiori per dire ti penso. Un maglione caldo che sembra un abbraccio per un regalo. Piccole cose concrete, spesso neppure di grande valore. Eppure che sanno, a distanza di anni, farti battere il cuore. Ecco perché allora un maglione marca Timberland taglia M può valere tanto. Perché forse è un segno, magari un ricordo. Di certo un simbolo. La prova concreta che questo maledetto virus può toglierci tanto, anzi tutto, persino la vita. Ma non per forza deve negarci la forza di essere umani. E quindi capaci di emozionarci, di condividere. Di ricordare.

«Sono andato a recuperare gli effetti personali di mamma che ci ha lasciati per colpa del Covid - scrive su Facebook, nella pagina "Sei di Parma se..." Stefano -. Nella scatola abbiamo trovato questo maglione che non appartiene a noi e quindi posto la foto nella speranza di poter trovare un familiare che magari sta cercando l'indumento di un parente».

Ma dai, «è un maglione», abbiamo detto. Ma non è «solo» un maglione. «Mancavano parecchi oggetti di mia madre – prosegue Stefano – quindi capisco lo stato d'animo di una persona che non ha ricevuto tutto». Poi la conclusione: «Spero di poter dare un piccolo aiuto». È tutto qui. Un maglione e la voglia di dare un «piccolo aiuto». Senza strepiti e senza lamenti sguaiati, senza recriminazioni: solo la voglia di dare una virtuale carezza a qualcuno che condivide lo stesso dolore. Poco conta che una vita sia finita, che lo strazio – facile immaginarlo – sia feroce e che quella scatola è, amaramente, l'ultima cosa rimasta di mille affetti, di una vita passata insieme. Una scatola, tra l'altro, a cui mancano dei pezzi: e questo ci spinge a dire a qualcun altro, che neppure si conosce: «Se posso aiutarti a ritrovare i tasselli che mancano a te, al tuo lutto, vorrei aiutarti».

Questo virus non è solo una influenza, come ci eravamo illusi. Ma allora, nello stesso modo, questo non è solo un maglione marca Timberland taglia M. Questo è la prova che il virus può ferire, uccidere. Ma che alla fine, grazie ad un abbraccio di lana, alla nostra umanità ed un po' di solidarietà, torneremo a vivere. Magari più soli, certo con gli occhi umidi. Ma ancora vivi.