Sei in Gweb+

CORONAVIRUS

Fidenza piange la farmacista Angela Casotti

21 aprile 2020, 05:08

Fidenza piange la farmacista Angela Casotti

«Non sono nemmeno riuscito a rivederla per un istante, a salutarla, a stringerle la mano. Non so quanti messaggi le ho inviato, ma non ho mai ricevuto nessuna risposta. Sono tutti là, nel telefono. Lei non poteva rispondermi. Era intubata. E poi quella telefonata che mette la parola fine a una vita insieme»: è straziato dal dolore il marito Daniele. Ha perso la sua Angela.

Il maledetto virus non si è fermato nemmeno davanti al suo dolce sorriso: dopo un mese di calvario se n’è andata Angela Casotti Cantoni, farmacista. Aveva 58 anni.

Fidentina, Angela aveva frequentato il liceo classico D’Annunzio e quindi si era laureata in Chimica e tecnologia farmaceutica. Era sempre rimasta molto legata al gruppo della sua classe del liceo. Dopo essersi sposata con Daniele, si era trasferita a Parma, dove ha lavorato per tre anni alla farmacia Amadasi. Quindi, con la famiglia era tornata nella sua Fidenza, dove ha prestato servizio per quattordici anni alla farmacia Zacconi, nella centralissima via Cavour. E tredici anni fa aveva iniziato l’attività , con una socia, nella parafarmacia San Giuseppe, al centro commerciale della Coop. E in tanti, in città, ricordano ancora quel sorriso che le illuminava il volto, ogni volta che accoglieva qualcuno.

Il bel sorriso aperto, una grande cortesia, una parola gentile in più, un'affezione autentica, non usuale nei confronti dei suoi clienti: questo ora mancherà della farmacista Angela.

Daniele ha voluto affidare alla «Gazzetta» l’ultima bella immagine, sulla spiaggia, con il mare che tanto amava, a Sestri, ai primi di marzo, dove avevano trascorso quello che sarebbe stato l’ultimo weekend insieme. «Avevamo bisogno di riposarci e siamo andati nella nostra casa, al mare. Angela stava bene, era serena. Siamo dovuti rientrare in fretta e furia a casa, perché il giorno dopo sarebbe scattato il lockdown. E da lì a poco Angela sarebbe stata ricoverata. Non l’abbiamo più rivista. Adesso ci restano i meravigliosi ricordi di una vita, di una donna speciale, sposa esemplare, madre attenta e figlia affettuosa».

Oltre al marito Daniele, Angela ha lasciato la madre ultranovantenne Rosa, la figlia Alice e il figlio Edoardo oltre ai cugini e a uno stuolo di amici.

Centinaia i messaggi postati sui social. Tutti unanimi: Angela, una donna splendida, dolce, disponibile, professionale. Gentile. Con tutti. Ecco, per esempio, il ricordo di Nadia: «Non avrei mai pensato di scriverti in un frangente così triste, non riesco a pensare che ti sei arresa dopo giorni e giorni di innaturale sofferenza. Ci si conosceva da sempre ma ricordo l’ultima volta che ti diedi del lei: mi hai guardata e con quel tuo sorriso, unico, e mi hai risposto "da oggi ci diamo del tu". Per me eri la dottoressa, ma mi hai messo subito a mio agio. Sai Angela, ti sto immaginando in volo verso il tuo amato mare, ma mi tormenta pensare alla tua sofferenza in quel letto di ospedale, col pensiero rivolto ai tuoi figli, Daniele, la mamma. Ti prometto che per loro ci sarò sempre, non li lascerò soli. Tu aiutami a rassegnarmi al pensiero che dietro al banco della farmacia non ci sarà più il tuo bel sorriso».

s.l.