Sei in Gweb+

Coronavirus

Buoni spesa dal Comune: dopo i primi 4.700, una seconda tranche

21 aprile 2020, 05:04

Buoni spesa dal Comune: dopo i primi 4.700, una seconda tranche

LUCA MOLINARI

«Stiamo prevedendo una seconda tranche di buoni spesa per garantire l’accesso a questo aiuto al maggior numero possibile di parmigiani. La platea dei beneficiari sarà definita nei prossimi giorni a seconda delle risorse disponibili».

E’ quanto annunciato da Laura Rossi, assessore al Welfare, tracciando un bilancio del lavoro finora svolto per erogare la prima tranche di buoni spesa a tutti i 4700 richiedenti.

«Entro questa settimana - ha assicurato l’assessore comunale - erogheremo i buoni spesa a tutti i parmigiani che hanno fatto domanda fino al 10 aprile».

Al momento sono stati inoltrati gli sms agli oltre duemila beneficiari di buoni spesa tramite l’App dedicata. «A questi vanno aggiunti altri 250 buoni spesa in formato cartaceo - ha precisato Laura Rossi - consegnati direttamente al domicilio grazie alla collaborazione dei volontari della Protezione Civile».

Non solo. In settimana è prevista la consegna di altri 357 buoni cartacei e la validazione di altre 750 pratiche, che si vanno ad aggiungere alle altre tremila già validate.

«Contiamo di esaminare tutte le pratiche inviate nel giro di pochi giorni - ha confermato l’assessore al Welfare - Appena possibile verrà data comunicazione ai beneficiari, sempre con la modalità dell’sms».

L’impegno dell’assessorato al Welfare è quello di prevedere una seconda tranche di aiuti. «Stiamo effettuando un’accurata analisi dei dati e delle risorse disponibili – ha sottolineato Laura Rossi – per capire che budget abbiamo a disposizione per prevedere una seconda tranche di buoni spesa. Posso assicurare che riapriremo sicuramente l’accesso ai buoni, ma non sono ancora in grado di spiegare con esattezza chi potrà farne richiesta. Spiegheremo nei prossimi giorni se questa seconda opportunità sarà rivolta soltanto a chi non ha ancora ricevuto i buoni, o se sarà possibile garantire un secondo accesso anche a chi ne ha già goduto».

I buoni sono prodotti da Edenred, la società con cui il Comune ha stipulato un accordo per la gestione dei buoni spesa.

Per l’utilizzo dei buoni in formato elettronico bisogna scaricare l’App telefonica «Ticket Restaurant Mobile», attivabile seguendo le istruzioni dell’apposito manuale di Edenred che può essere scaricato dal sito comunale.

Non solo. Il buono si può usare per la spesa solo nei negozi che fanno parte della lista ufficiale (si tratta di una cinquantina di supermercati, ipermercati e alimentari spari sul territorio comunale) e ha un valore calcolato in base all’ampiezza della famiglia. Ad esempio, una famiglia di due persone ha diritto a 120 euro per la spesa, una di tre componenti 160 euro, una di quattro 200 euro, una sola persona a 100 euro.

Rimangono infine attivi i numeri 0521-218970 e 339-6859982 per i cittadini che si trovano in condizioni di bisogno alimentare (o di farmaci) e non possono muoversi da casa per fare spesa e necessitano quindi di un servizio di spesa-generi alimentari a domicilio.

Si può fare riferimento a questi numeri anche per gravi emergenze alimentari.