Sei in Gweb+

San Lazzaro

I Love Pesce: i ladri rubano i soldi e si mangiano la grigliata bevendo bollicine

13 maggio 2020, 05:08

I Love Pesce: i ladri rubano i soldi e si mangiano la grigliata bevendo bollicine

MARA VAROLI

Non si sono accontentati di rubare il fondo cassa, ma si sono pure serviti da bere, gustando grigliate di pesce.

È successo tra domenica e lunedì alla pescheria e gastronomia «I Love Pesce» in via Emilio Lepido a San Lazzaro, che per la prima volta da quando è stato inaugurato, circa otto anni fa, è stato preso di mira dai soliti ignoti. Un furto in piena fase 2 e sembra non essere il solo in città: evidentemente con le riaperture anche i ladri sono tornati a colpire.

«Alla domenica e al lunedì noi siamo chiusi - racconta la cuoca e anima del locale Cristina Boscarato -, proprio perché in quei giorni non arriva il pesce fresco. Una nostra dipendente ieri mattina quando ha aperto il locale intorno alle 8,30 ha subito notato che il registro di cassa era aperto e il denaro rimasto non c'era più: circa 100 euro. Ladri fortunati, perché solitamente non lasciamo nulla in cassa. Anche le monete erano sparite: solo i centesimi non hanno preso».

La dipendente di «I Love Pesce» si è quindi subito allarmata e ha chiamato i titolari che sono arrivati al locale poco dopo: «I ladri non hanno solo rubato il fondo cassa - continua Cristina Boscarato -, ma sono entrati in cucina e hanno mangiato il pesce cotto che era rimasto, in particolare una grigliata. Poi si sono bevuti una grappa al radicchio rosso e hanno portato via vini siciliani , bollicine e altri liquori. Insomma, hanno fatto la spesa».

In un primo momento, i titolari non riuscivano a capire da dove i ladri potessero essere entrati, poi hanno notato alcuni segni proprio sulla porta della cucina che dà sull'esterno, verso una stradina interna: «Probabilmente hanno usato un piede di porco - continua la cuoca di «I Love Pesce» -. In effetti, l'antifurto in quei giorni era fuori uso, straordinariamente, per cui hanno avuto gioco facile. In più sono stati particolarmente astuti, perché questa zona, quella davanti alla Rocca di San Lazzaro, è particolarmente movimentata e molto abitata. Sicuramente, se fossero entrati dalla porta principale non sarebbero passati inosservati».

I titolari hanno quindi telefonato in questura e a San Lazzaro sono arrivati gli uomini delle Volanti, per un sopralluogo. Sul furto è stata fatta chiaramente denuncia. Che in questo periodo non è stata l'unica: i ladri sono tornati in azione, prendendo di mira almeno un paio di pizzerie a Parma.

«Non per i danni - chiude Boscarato -, ma rimane l'amarezza. Con la fase 2 si è rimessa in moto la macchina dei soliti balordi».