Sei in Gweb+

CORONAVIRUS

Cimiteri riaperti, molti i visitatori

18 maggio 2020, 05:01

Cimiteri riaperti, molti i visitatori

ISABELLA SPAGNOLI

Viali vestiti a festa di fiori colorati, persone già in fila dalla prime ore del mattino, aiuole curate, pulizia in ogni angolo, nonostante il vento dei giorni scorsi. Unica pecca, la mancanza di una fornitura di guanti monouso (obbligatori per entrare) all'ingresso per chi, e sono in diversi, non li ha portati.

Tante famiglie, anche con bambini per mano, ieri, si sono preparate con cura per entrare al camposanto, finalmente aperto a tutti. Non sembrava di essere al cimitero ma ad un appuntamento gioioso che ha coinvolto tantissime persone. Chiusa da due mesi, la Villetta, ha aperto anche nei giorni scorsi ma con ingressi scaglionati. Ieri era la prima domenica senza nessun divieto, nessun limite per andare a far visita ai propri cari. Maria Adele , una signora di 69 anni, porta fra le braccia un mazzo di rose bianche. «Sto andando a trovare mio marito che è morto poche settimane fa di Coronavirus. L'ho visto salire in ambulanza. Un ultimo saluto e poi il nulla. Io sono stata in quarantena fino a tre giorni fa e non sono potuta venire a trovarlo prima. Perché le rose bianche? Perché Umberto conservava l'innocenza e la purezza di un bambino, quale colore più del bianco rispecchia un animo buono?». Federico a Arianna ritornano alla Villetta per la seconda volta in una settimana. «Siamo venuti anche martedì scorso poiché era consentito l'ingresso in base alla prima lettera del cognome. Noi abbiamo la lettera C e siamo venuti nel pomeriggio. Ma è stata una visita strana, troppo “forte” l'impatto dopo due mesi di chiusura. Qui riposa la mia mamma, scomparsa due anni fa, ancora non ho elaborato il lutto. Oggi cercherò di fare la brava: voglio fermarmi un po' di più senza piangere». Ubaldo cammina incerto nel viale principale, è molto anziano, si aiuta con il bastone. Ha in mano uno straccino e un prodotto per pulire. «Devo fare un bel po' di strada per arrivare alla cappellina dove è sepolta mia moglie. Sono venuto a pulire bene mercoledì, ma oggi voglio lucidare la fotografia che ho trovato un po' opaca. Ines mi è mancata tanto in questi due mesi. Nella vita ho solo lei poiché non siamo riusciti ad avere figli. Non dico “avevo” perché lei non mi ha mai abbandonato». Tanta gente entra dal cancello portando fiori e piantine di ogni tipo. «Oggi dobbiamo fare festa , non piangere», dice sorridendo una ragazza alla nonna che accompagna sotto al braccio. «Purtroppo abbiamo perso suo fratello, ad aprile, causa il Covid e la nonna è ancora distrutta dal dolore. È voluta venire lo stesso stamattina (ieri per chi legge ndr) , anche se per me non era il caso. È troppo presto».

A pregare in ginocchio accanto a una lapide c'è la piccola Giulia, 12 anni. Vicino a lei la sua mamma che le accarezza i capelli biondi. «È morto da poco il suo papà causa un incidente stradale, per lei venire alla Villetta è l'unica consolazione e in questi mesi di chiusura è stato difficile consolarla». Giulia non pronuncia una parola e non stacca gli occhi lucidi dalla foto del suo papà. La gente continua ad entrare per tutta la giornata. Il sole in tarda mattinata illumina gli sguardi delle persone. Gli operatori dell'Ade sono soddisfatti dell'ordine che mantengono i visitatori, tutti con mascherine. «Sottolineiamo ancora una volta l'importanza di usare anche i guanti poiché all'interno del camposanto si toccano aree comuni tipo scale, fontanelle, bagni –spiegano -. Non abbiamo avuto nessun problema durante queste aperture, la gente ha risposto con educazione e senso civico. È bellissimo vedere il cimitero riaprire i battenti alla città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ISABELLA SPAGNOLI Viali vestiti a festa di fiori colorati, persone già in fila dalla prime ore del mattino, aiuole curate, pulizia in ogni angolo, nonostante il vento dei giorni scorsi. Unica pecca, la mancanza di una fornitura di guanti monouso...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal