Sei in Gweb+

Lutto

Puglia, il cinema in punta di penna

22 maggio 2020, 05:03

Puglia, il cinema in punta di penna

ISABELLA SPAGNOLI

Per tanti anni è stato critico cinematografico della Gazzetta di Parma. La sua penna, raffinata e colta, incantava i lettori e suscitava i complimenti dell'allora direttore Baldassarre Molossi.

Ora che Enea Puglia ha chiuso gli occhi per sempre, a 82 anni, viene ricordato dai colleghi che hanno avuto la fortuna di collaborare con lui. Roberto Campari, professore ordinario di Storia e Critica del Cinema nella nostra Università spiega: «Io e Enea abbiamo collaborato dal 1961 al 1965. Il nostro compito era quello di scrivere le recensioni dei film; lui era il responsabile e io il suo vice. In quegli anni il cinema aveva una grande importanza e si aspettava con trepidazione ogni “prima” per poterne poi scrivere sul giornale, nello spazio dedicato che era sempre generoso. Quando proiettavano film di un certo tipo si arrivava ad avere a disposizione anche una pagina intera. Enea era bravissimo, amava molto i registi Luis Buñuel e Jean-Luc Godard. Ci vedevamo ogni sera al giornale, ci dividevamo il lavoro, e insieme ci occupavamo anche del tamburino degli spettacoli, uno spazio dedicato non solo agli spettacoli, ma anche alle valutazioni dei film (le famose stellette)».

«Più del cinema americano - aggiunge - lui, prediligeva quello europeo. Quando nel ‘65 smise di scrivere io divenni responsabile al posto suo di quello spazio prestigioso fino al ‘68. Nel tempo gli consigliai di raccogliere le sue belle recensioni, ma alla fine non credo che portò avanti questo progetto».

Quando Puglia smise di scrivere andò poi a militare. Chi lo ricorda è anche Bruno Castelli, storico segretario di redazione della Gazzetta. «Io entrai al giornale nel 1958 e poi feci, negli anni, carriera - spiega con orgoglio -. Ebbi la fortuna di conoscere Enea, carissimo amico, oltre che stimato collega. Era un bravissimo ragazzo e uno straordinario giornalista. Ci siamo frequentati anche al di fuori del lavoro e ho scoperto in lui doti umane rare. Si scriveva fino a notte tarda. Avevo modo di incontrare Puglia la sera ed era sempre un piacere immenso scambiare qualche chiacchiera con lui».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ISABELLA SPAGNOLI Per tanti anni è stato critico cinematografico della Gazzetta di Parma. La sua penna, raffinata e colta, incantava i lettori e suscitava i complimenti dell'allora direttore Baldassarre Molossi. Ora che Enea Puglia ha chiuso gli...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal